rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Attualità Castelfranco Emilia

A scuola in bus, a Castelfranco 5 nuovi mezzi per coprire 15 tratte

Operativi da mercoledì con l’avvio del nuovo anno scolastico.  Pronti, ai nastri di partenza, anche “Piedibus” e “Kiss & Drive”

Dal 15 settembre importanti novità in arrivo per gli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado iscritti al trasporto scolastico del territorio di Castelfranco Emilia, 268 alunni di cui 61 della scuola primaria e 207 della secondaria: faranno infatti il loro esordio cinque scuolabus nuovi di zecca per la copertura di ben 15 tragitti. I percorsi scolastici saranno organizzati sulla base delle richieste delle famiglie e tenuto conto delle articolazioni orarie concordate con le Istituzioni scolastiche, ottimizzando l’impiego dei mezzi al fine di erogare il servizio nei tempi necessari a garantire l’arrivo a scuola degli alunni prima dell’inizio delle lezioni, salvaguardando il criterio di trattenere i bambini sui pullman per il tempo più breve possibile.

Il nuovo parco macchine, come detto completamente rinnovato, è composto da 5 mezzi più uno di scorta cui corrispondono altrettante linee colorate: ad ogni territorio servito corrisponde una linea colorata: arancione, rossa, verde, gialla e azzurra. Uno di questi mezzi, inoltre, è dotato di pedana per trasporto disabili per garantire in occasione di uscite didattiche trasporti inclusivi ai ragazzi diversamente abili.

Già dal 2021, infatti, il Comune di Castelfranco Emilia ha adottato linee di indirizzo ben precise e orientate nella direzione di una mobilità casa-scuola fortemente sostenibile, con l’obiettivo di dare continuità all'educazione e soprattutto alla pratica quotidiana.
A tal proposito sono state avviate campagne di sensibilizzazione, che proseguiranno anche quest’anno, sui temi della mobilità scolastica e degli spostamenti sostenibili casa-scuola. Tutto ciò coinvolgendo direttamente scuole e famiglie, affinchè, nell’ambito delle rispettive competenze, possano contribuire a creare le condizioni per privilegiare per gli spostamenti casa-scuola forme di mobilità alternativa all’auto privata.

A tal proposito, oltre all’utilizzo degli scuolabus a basso impatto ambientale operativi già dal 15 settembre, dal 19 ripartiranno anche altri due importanti progetti alternativi di comunità per raggiungere le scuole:

Il “Piedibus”, una carovana colorata di bambini che raggiungono la scuola insieme in sicurezza ogni mattina, accompagnati da volontari lungo percorsi prestabiliti e messi in sicurezza. Il servizio gestito grazie al fattivo apporto dei volontari è rivolto ai bambini delle scuole primarie Tassoni, Guinizelli e Marconi e prevede in collaborazione con il Servizio Sociale dell’Unione dei Comuni del Sorbara anche l’impiego dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza nell’ambito del Patto per il Lavoro e del Patto per l’Inclusione Speciali attraverso l’elaborazione e sottoscrizione di Progetti Utili alla Collettività.

I “Kiss & Drive”, aree create presso le scuole primaria Guinzelli, Marconi e Tassoni, e finalizzate alla moderazione del traffico, alla cura della visibilità e della segnaletica in prossimità dei plessi scolastici, pensate al contempo per incrementare la sicurezza consentendo alle famiglie che devono obbligatoriamente prendere l’auto, un veloce accompagnamento senza sosta.

Servizi, sia lo scuolabus che il piedibus e il kiss & drive, che saranno garantiti fino al termine delle lezioni seguendo il calendario scolastico e accogliendo eventuali modifiche in corso d’anno qualora si rilevi la necessità di migliorare il servizio reso agli utenti e a fronte di nuove richieste.

Ricordiamo, infine, che il Piano annuale del trasporto scolastico è stato elaborato con la collaborazione degli Uffici competenti per la Mobilità (Polizia Locale e Settore Tecnico), e nelle scorse settimane è stato oggetto di prova direttamente sul campo da parte del gestore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A scuola in bus, a Castelfranco 5 nuovi mezzi per coprire 15 tratte

ModenaToday è in caricamento