Oasi faunistica: si rinnova la convenzione col Pettirosso

Gestione dell’area del parco Torrazzi adibita alla tutela della fauna selvatica e alle visite guidate per le scuole, una delibera conferma l’affidamento per nove anni al Centro il “Pettirosso”

È stata rinnovata per altri nove anni la convenzione tra il Comune di Modena e il Centro faunistico “Il Pettirosso” per la gestione dell’oasi faunistica del parco Torrazzi, che ospita gli animali salvati dai volontari.

È quanto  stabilito in una delibera della giunta, presentata dall’assessora all’Ambiente Alessandra Filippi, che riconferma l’assegnazione del 2010 anche sulla base del lavoro positivo svolto in questi anni. Nell’area verde di via Nonantolana si incoraggiano la tutela dell’ambiente e della fauna selvatica e la divulgazione della cultura ambientale.

Il provvedimento nel dettaglio riguarda lo spazio di oltre 6.700 metri quadrati della zona nord-est del parco, inserita nella superficie complessiva di 60 mila metri quadrati coperti dal Centro, nei pressi del Canile intercomunale. Quest’area, tecnicamente un recinto di biodiversità, è adibita all’inserimento caprioli, istrici, scoiattoli e volatili: esemplari di fauna autoctona che i cittadini e le scolaresche possono osservare nel loro ambiente e in situazioni di sicurezza.

L’intesa non comporta spese a carico dell’amministrazione l’Amministrazione ed è a titolo gratuito per i volontari, che coopereranno col Settore Ambiente, Edilizia privata e Attività produttive del Comune e che si dovranno occupare anche della manutenzione del verde e degli spazi per mantenerne il decoro.

L’oasi faunistica continuerà quindi ad accogliere le visite guidate dei cittadini e i volontari potranno svolgere attività di tutela della fauna selvatica. L’azione del Centro, che dispone di quasi 30 mila metri quadrati di area boschiva, è particolarmente importante per il territorio modenese perché gli operatori e i volontari si occupano di soccorrere e tutelare gli animali feriti o in difficoltà, affiancando le istituzioni e le forze di polizia per il recupero e la gestione della fauna, con interventi 24 ore su 24. Migliaia sono gli animali salvati ogni anno per dare loro una seconda possibilità di vita e di libertà: gli addetti de “Il Pettirosso”, infatti, si prendono cura della fauna prima della liberazione negli habitat ambientali adeguati alle varie specie. Il Centro, dotato di strutture veterinarie e logistiche all’avanguardia, crea inoltre iniziative per formare e informare sulla vita degli animali, per una migliore convivenza e, di conseguenza, una possibile integrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento