Amianto sui tetti dell'ex Cartiera, prime bonifiche già a gennaio

A San Cesario, dopo il sopralluogo, l'Ausl ha indicato un anticipo immediato sull'intervento dei due edifici più a rischio. Lo riferiscono Rinascita Locale e ONA che vedono così finalizzata la loro mobilitazione

Lo scorso 16 dicembre è stato eseguito da tecnici AUSL congiuntamente a quelli del comune di San Cesario un sopralluogo presso l'ex Cartiera, come richiesto da “Rinascita Locale”e ONA - Osservatorio Nazionale Amianto che da tempo denunciano la situazione di fatiscenza dei tetti dei vari edifici del complesso produttivo abbandonato nel cuore del centro urbano. Oggi arriva la notizia di un intervento prescritto dall'Ausl: i due edifici al centro delle nostre segnalazioni, ovvero all’edificio denominato “ex CARTA PAGLIA” e quello molto più imponente, denominato “TURBOGAS”, verranno bonificati mediante asportazione delle coperture a fine gennaio 2020.

"Quindi, come affermato nero su bianco nella relazione AUSL, abbiamo ottenuto di anticipare la bonifica di due anni rispetto alle carte prodotte tre mesi fa dai tecnici incaricati dall’azienda e fatte proprie dal Comune. Si è cosi confermato il giudizio nostro e dei tecnici di ONA, evidentemente la criticità è apparsa concreta e la situazione non procrastinabile - spiega con entusiasmo in una nota RInascita Locale - Possiamo quindi asserire, senza timore di essere smentiti, che Rinascita Locale sia la formazione politica più attiva e più risoluta nella storia del nostro Comune sul fronte lotta all’amianto, in un anno e mezzo spazzati via dalle nostre vite circa 5000 mq di amianto in pessimo stato di conservazione, il risultato di oggi ne è l’ennesima conferma".

"Il killer silenzioso ha perso un'altra battaglia, ma la guerra è lunga e piena di insidie, il successo di oggi non deve essere però considerato una fine ma anzi un passo avanti, uno sprone a perseverare nella lotta a favore della salute della cittadinanza, a cominciare dal ripristino e trasformazione generale dell’area “ex Cartiera”, che con il suo degrado e la sua ubicazione rappresenta comunque oramai uno schiaffo inaccettabile al paese, proseguendo con il tanto amianto comunque ancora presente e le varie criticità in genere su cui siamo intenzionati e determinati ad intervenire, chiedendo come sempre ai cittadini di non esitare ad inoltrarci le loro indispensabili e preziose segnalazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento