rotate-mobile
Attualità

Open Day al Mulino di Ganaceto: Progeo protagonista della sostenibilità nel settore mangimistico

L'open day al Mulino di Ganaceto ha celebrato l'importanza della cooperativa Progeo nel settore mangimistico, con inaugurazioni di impianti innovativi e focus sulla sostenibilità e integrazione della filiera cooperativa

Si è svolto sabato 13 aprile l’open day al Mulino di Ganaceto in strada Forghieri di Progeo, una della più significative realtà nel settore mangimistico che conta oltre 13mila soci in Italia di cui circa 80% nelle province di Modena Bologna e Reggio Emilia. Oltre ai saluti di Graziano Salsi, presidente di Progeo, erano numerose le autorità presenti, tra cui l’assessore regionale all’agricoltura Alessio Mammi, al presidente della Provincia di Modena Fabio Braglia, Ludovica Carla Ferrari assessora del Comune di Modena, Cristian Maretti presidente nazionale Legacoop Agroalimentare e Daniele Montroni presidente Legacoop Emilia-Romagna, che hanno portato il proprio saluto sottolineando l’importanza per il territorio provinciale e regionale di una realtà cooperativa agricola tra le più attive in  Italia, che associa singoli agricoltori i loro famigliari e società di varia natura operanti nella produzione agricola e zootecnica.

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

Infatti, come sottolineato anche dal presidente Salsi, «per conto dei propri soci, localizzati in maggioranza nelle province emiliane e in parte nel territorio lombardo, Progeo raccoglie cereali, colture oleaginose e proteiche che valorizza attraverso la trasformazione nei propri impianti industriali e la vendita diretta sul mercato».

WhatsApp Image 2024-04-13 at 13.25.48

Nella mattinata di sabato 13 aprile è stato inaugurato un impianto di stoccaggio farine ad alto contenuto innovativo, frutto di un investimento in parte stato finanziato da un bando regionale nell’ambito del Programma di sviluppo rurale.

Oltre al nuovo impianto con i silos di stoccaggio e l’innovativo impianto di carico, sono stati presentati i lavori di ammodernamento dello stabilimento volti al risparmio energetico, e la nuova area verde di ottomila metri quadri caratterizzati dalla messa a dimora 120 alberi di varietà autoctone, tra cui Querce, Tigli, Frassini e Gelsi, opportunamente distribuiti per evitare possibili sviluppi di malattie, a tutelarne il sano sviluppo anche grazie ad un sistema di irrigazione automatizzato.

Inoltre sono state collocate arnie per le api e diverse piccionaie, con la funzione di tenere a distanza i volatili dagli impianti produttivi e dalle abitazioni circostanti.

Progeo, che oltre al mulino di Ganaceto possiede quattro mangimifici (uno è a Sorbara, dove si lavora soltanto mangime biologico) e due impianti di stoccaggio cereali, nasce nel 1992 dalla fusione di Apca Bologna, Apca Modena e Cpca Reggio Emilia che raccoglie le produzioni cerealicole conferite da 2.600 aziende agricole site nelle province emiliane e lombarde, con fatturato di circa 360 milioni di euro. L’impianto di Ganaceto si dedica soprattutto alla produzione di farine di grano tenero per l'alimentazione, e la cooperativa conta in tutto circa 250 dipendenti che con l’indotto superano le 500 unità.

Nel corso dell’Open day, accompagnati dal qualificato personale aziendale, è stato possibile prendere diretta visione del ciclo di produzione, partendo dal grano tenero conferito dagli agricoltori, per  arrivare alla confezione di farina a marchio Tre Grazie, proposta nelle diverse tipologie in funzione dell’utilizzo finale.

Filiera Cooperativa Sostenibile ed integrata dalle società del Gruppo Progeo, fra cui Agrites, Scam, Conase, presenti all’inaugurazione, a supporto delle imprese agricole nella coltivazione dei cereali destinati al Molino di Ganaceto e delle altre produzioni finalizzate ai mangimifici a servizio degli allevatori, nell’evidenziarne la distintività cooperativa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Open Day al Mulino di Ganaceto: Progeo protagonista della sostenibilità nel settore mangimistico

ModenaToday è in caricamento