rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024

Annalisa Servadei

Videomaker

Le "ere" pre e post Covid: le inevitabili modifiche alla società

La “normalità” pre-covid sembra oramai una vita fa. Definire inconsciamente "Era" il periodo prima o dopo il Covid lascia intendere una profonda rottura con la continuità tra i due periodi, rottura dovuta a cambiamenti radicali nella collettività

La “normalità” pre-covid sembra oramai una vita fa. Anche mentre si dialoga tra amici e conoscenti a volte ci si ritrova a dire “era pre-covid” per ricordare un evento avvenuto prima del primo lockdown del 9 marzo 2020, a testimonianza di come questi due anni abbiano creato un distacco netto nell’immaginario rispetto al periodo precedente, e ben percepibile dai cittadini, su una molteplicità di fattori.

Storicamente tale distacco è attribuito ad eventi e circostanze che hanno creato una “rottura” con la continuità della storia e delle usanze.

Basti pensare alle “grandi” Ere che si studiano a scuola: l’Era pre-colombiana, Era pre-industriale o Era pre-repubblicana. Tutti avvenimenti, durati più o meno nel tempo che però hanno portato profonde e permanenti modifiche nella società (in meglio o in peggio dipende sempre dai punti di vista).

L’Era pre-covid come capita spesso di sentire non è da meno e a mio avviso non da meno saranno le conseguenze, positive e/o negative,che essa porterà con sé anche una volta concluso lo stato di emergenza sanitaria.

Ma perché la pandemia di Covid ha portato con sé questo cambiamento che magari altri eventi, seppur importati, dei secoli passati non hanno portato? Il fattore chiave è da ricercare nel modo in cui un singolo evento penetra nella quotidianità delle singole persone.

Certe crisi economiche ad esempio per quanto importanti e disastrose a livello economico non hanno portato a radicali conseguenze o a modifiche sostanziali della società e nella quotidianità dei cittadini. In molti di quei casi una volta passato il periodo di crisi la vita tornava pressochè identica a come si era svolta prima di quella circostanza.

Così, pare quasi evidente, non potrà essere nel caso del Covid. Questa pandemia porterà con sé profonde modifiche nella società e lo farà perché tali modifiche sono già avvenute nella maggior parte dei singoli.

La nuova Era della convivenza col virus

Come anticipato prima si chiamano “Ere” periodi che si differenziano dai successivi o precedenti per qualche cambiamento avvenuto nel mondo, nella società e culturalmente. Ma non va dimenticato che non si torna mai indietro. Dopo l’era pre-industriale c’è stata sempre l’industria, dopo l’era pre-istorica c’è stata sempre la storia, dopo l’era pre-colombiana, bè Colombo non c’è stato per sempre ma le sue scoperte si. Il covid e l’era pre-covid non saranno, con tutta probabilità, da meno.

Occorrerà conviverci con il virus. Nello scenario futuro  pare che questo virus resterà fra noi e nei prossimi anni farà magari riparlare di sé ma in modi che nessuno può prevedere. Alcuni cittadini hanno dichiarato che nonostante la situazione di emergenza sia oramai finita continuano a sentirsi a disagio nei luoghi affollati e chiusi nonostante questo prima del 2020 non rappresentasse minimamente un problema per loro.

Altri ancora nonostante siano tranquilli a livello di contagio ammettono che in certi luoghi come supermercati, negozi e luoghi affollati (anche se all’aperto) preferiscano tenere la mascherina.

Questi sono solo alcuni dei cambiamenti che le persone stanno subendo alla loro quotidianità. Tuttavia il virus non rimarrà solo a livello personale dei singoli cittadini ma anche in questioni più sociali e culturali. Nel settore scolastico la DAD è uno di quei fattori che con tutta probabilità rimarrà e diventerà un sistema integrato alla didattica frontale in determinate condizioni.La modifica del lavoro in smart-working comporterà ad una ripartizione degli spazi di lavoro-casa.

Probabilmente a rimanere saranno anche alcune norme sanitarie che riguardano luoghi pubblici come cinema, teatri o più semplicemente la sicurezza degli accessi in ospedale.

Questa pandemia ha sicuramente avuto un ruolo importante nella collettività ma è come ognuno di noi singolarmentee nel suo piccolo l’ha vissuta che farà veramente la differenza. Se lascerà qualcosa e se nell’immediato futuro sapremo trarne i vantaggi che tutte le crisi, grandi o piccole che siano, portano con sé.

Si parla di

Le "ere" pre e post Covid: le inevitabili modifiche alla società

ModenaToday è in caricamento