Cimitero di Mirandola e norme per le festività, dal 7 novembre scatta l’orario invernale

A Mirandola i cimiteri rispetteranno il regolare orario di apertura dalle 7:30 alle 19:30 anche in vista della commemorazione dei defunti. A partire da sabato 7 novembre entrerà in vigore l’orario di visita invernale

In occasione delle festività di commemorazione dei defunti, i cimiteri del territorio mirandolese di: Mirandola, Cividale, Gavello, Mortizzuolo, Quarantoli, San Giacomo Roncole, San Martino Spino e Tramuschio osserveranno il normale orario di apertura (in vigore tra l’altro fino a venerdì 6 novembre prossimo): dalle ore 7:30 alle ore 19:30.

Durante la visita all’interno è obbligatorio indossare la mascherina e rispettare la distanza di sicurezza al fine di evitare assembramenti, secondo quanto previsto anche dalle disposizioni anti-Covid. Resta vietato ogni atto o comportamento irriverente od incompatibile con la destinazione del luogo.

Prima della chiusura il consueto segnale acustico avviserà i visitatori dell’approssimarsi dell’orario di termine delle visite, mentre sarà sospeso l’ingresso. Anche in caso di chiusura dei cancelli l’uscita dall’interno resta garantita dall’apposito pulsante di apertura di emergenza.

Anche nei giorni delle festività dei defunti, come avviene con regolarità, la Polizia Locale non mancherà di effettuare servizi di controllo al fine di garantire l’accesso ai visitatori in sicurezza. 

A partire da sabato 7 novembre, entrerà in vigore l’orario di visita invernale per i cimiteri del territorio, tutti i giorni dalle ore 7:30 alle ore 17:00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento