Ordinanza del sindaco di Carpi, mascherina obbligaroria davanti a scuola

Un'ordinanza del Sindaco in vigore da martedì 6 ottobre istituisce l'onbligo di usare la mascherina  nei pressi delle scuole superiori, per chiunque si trovi entro 200 metri dagli accessi

Da martedì 6 ottobre sarà obbligatorio indossare la mascherina negli orari di ingresso e uscita delle scuole secondarie di secondo grado, entro duecento metri dai loro accessi: lo stabilisce un’ordinanza firmata oggi dal Sindaco Alberto Bellelli, valida per chiunque, studenti e non, si trovi in zona in quegli orari.

Il provvedimento, analogo a quelli già adottati in altre città anche della nostra regione, è stato preso per « la necessità - si legge nel testo - di garantire la pubblica incolumità e la riduzione del rischio di contagi della popolazione attraverso il rispetto del divieto di assembramento in luoghi pubblici e privati»: entrerà in vigore da martedì 6 ottobre per potere « attivare una congrua informazione nei confronti degli studenti e delle famiglie prima di esercitare un’attività sanzionatoria. »

I trasgressori infatti rischiano una sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro: la Polizia Locale vigilerà sul rispetto del provvedimento, allo stesso modo in cui intensificherà in Centro i controlli dalle 18 in poi, quando inizia l’obbligo nazionale stabilito dal Ministero per la salute.

L’ordinanza per ora varrà fino al 15 ottobre, data in cui scade lo stato d’emergenza proclamato dal Governo: se tale stato sarà prorogato, anche questa ordinanza potrà essere reiterata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento