rotate-mobile
Attualità

Seta, l'azienda realizzerà una palestra e un ambulatorio specialistico per i dipendenti

Un progetto finanziato da un bando governativo. Previsti anche corsi per i figli dei dipendenti e piattaforme per gestire altri servizi famigliari

Un ambulatorio salute in ciascuna sede provinciale, una palestra ad accesso gratuito per i lavoratori e un laboratorio per figli dei dipendenti con disturbo dello spettro autistico. Sono alcune delle azioni che Seta potrà realizzare a partire dal prossimo gennaio nell'ambito del progetto di welfare "Conciliamo". Si tratta di un bando nazionale della presidenza del Consiglio dei ministri in cui, quella dell'azienda azienda del trasporto pubblico di Modena, Reggio Emilia e Piacenza, è stata tra le 130 proposte ammesse a cofinanziamento.

Nell'ambulatorio il personale potrà usufruire di visite specialistiche e terapie con particolare riguardo alle problematiche posturali e dell'apparato muscolo-scheletrico (particolarmente sollecitati per chi opera sui mezzi pubblici). La palestra, che integra l'attività dell'ambulatorio sarà attivata in via sperimentale nella sede di Modena, come pure il laboratorio per i ragazzi affetti da Dsa.

Tra le altre azioni che Seta ha previsto a beneficio dei circa 1.040 dipendenti e dei familiari si segnalano la predisposizione di ambienti attrezzati per il coworking, una piattaforma a gestione dei dipendenti per la segnalazione di fornitori di servizi quotidiani ad uso familiare (baby sitting, badanti, artigiani, ecc.), l'attivazione di corsi di informatica per i figli dei dipendenti e l'installazione nelle tre sedi aziendali di "locker" per la consegna di acquisti effettuati online.

"La valorizzazione e la fidelizzazione del personale rappresentano obiettivi strategici per la nostra azienda: dedichiamo importanti risorse per migliorare le condizioni in cui operano i lavoratori, sia dal punto di vista salariale sia incentivando la loro crescita formativa, nonché favorendo la conciliazione degli impegni personali e professionali", commenta il presidente di Seta Antonio Nicolini. "Nel trasporto pubblico il fattore umano ha un ruolo imprescindibile ed ultimamente tutte le aziende italiane incontrano crescenti difficoltà nel reperire personale qualificato, in particolare conducenti di autobus il cui compito è altamente impegnativo e richiede professionalità e responsabilità", aggiunge. Per questo, Seta "vuole creare le condizioni affinchè, tramite progetti specifici, si possano offrire ai dipendenti occasioni costanti e concrete di miglioramento".

Nicolini ricorda a questo proposito il recente accordo sindacale sul contratto integrativo aziendale e un intervento di stabilizzazione contrattuale, a beneficio di lavoratori attualmente inquadrati con rapporti a termine. Dal prossimo mese di agosto, infatti, circa 30 autisti che lavorano con un contratto a tempo determinato saranno assunti in pianta stabile. Già da alcuni anni infine, per favorire l'inserimento del personale di nuova assunzione che proviene da territori diversi da quelli di assegnazione, Seta mette a disposizione alloggi temporanei per quei lavoratori che non dispongono di un'immediata sistemazione abitativa con un costo minimo a carico del lavoratore. (DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seta, l'azienda realizzerà una palestra e un ambulatorio specialistico per i dipendenti

ModenaToday è in caricamento