menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pasqua in Ospedale, tanti i doni per i bambini ricoverati al Policlinico

Scout, esercizi commerciali, associazioni hanno voluto condividere e festeggiare la Pasqua inviando uova e colombe in ospedale per i piccoli ricoverati

Uova di Pasqua e Colombe per i bambini ricoverati al Policlinico.

Sono state molte in questi giorni le iniziative a favore dei piccoli pazienti della Degenza del Dipartimento Materno-Infantile, diretto dal prof. Lorenzo Iughetti, che ospita i bambini ricoverati in Pediatria (Diretta dal prof. Lorenzo Iughetti), Pediatria ad Indirizzo Onco-Ematologico (di cui è referente la Dottoressa Monica Cellini) e della Chirurgia Pediatrica(Diretta dal dottor Pierluca Ceccarelli). Esercizi commerciali e associazioni culturali sono stati vicini ai bambini ricoverati. Nel rispetto delle normative per il COVID19, le consegne sono state fatte al personale sanitario, fuori dal reparto, che poi ha provveduto alla distribuzione.

Trascorrere le feste in ospedale è sempre traumatico – ha commentato il prof. Lorenzo Iughetti – e lo è ancora di più per un bambino in questo periodo in cui gli accessi all’ospedale dei famigliari sono contingentati. Siamo quindi estremamente grati a tutti coloro che hanno pensato ai nostri pazienti, sia a quelli ricoverati, sia a quelli che accedono agli ambulatori. Inoltre, li abbiamo distribuiti anche alle mamme di tutti i neonati ricoverati al Policlinico. È stato bello poter donare un po’ di colore e affetto.”

La prima consegna è avvenuta, martedì 30 marzo, nel giardino dell’ospedale, grazie alla sezione modenese del Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani (Scout Laici). Mercoledì 31 marzo è stata la volta di materiale didattico, coniglietti di cioccolato grazie alla Tabaccheria Generini di Bomporto, insieme alla volontaria della Protezione Civile Pierina Lostia. Contestualmente l’artista Mimma Mazzullo ha donato un dipinto e raffigurante due coniglietti pasquali, Gio’ e Care con l’intento di richiamare nel nome sia il gioco sia la cura (“care” in inglese). Giovedì Santo, 1° aprile, l’Associazione Kabaralagdaf di Modena – associazione di Solidarietà con il Popolo Saharawi – ha consegnato tavolette di cioccolata, ciascuna da 200 grammi per i pazienti della Chirurgia Pediatrica. Lo stesso giorno, le maestre dell’istituto comprensivo di Campogalliano San Giovanni Bosco, hanno consegnato il dono degli alunni delle classi quinte della scuola elementare Marconi di Campogalliano, che hanno aderito “Uovo Sospeso”, per dimostrare I bambini, per dimostrare la propria vicinanza ai piccoli pazienti ricoverati in ospedale. L'iniziativa è nata lavorando sul giornale e sugli articoli di cronaca, nell’ottica del programma di Educazione Civica che si concentra sui diritti e sull'Agenda 2030. Uova, infine, sono arrivate anche da dall’Assistenza Privata, la prima rete d’assistenza domiciliare infermieristica e Oss nata e ubicata a Modena. Venerdì Santo, infine, la Casina dei Bimbi ONLUS – che sostiene i bambini ricoverati in ospedale - ha consegnato alcune uova di Pasqua ai bambini ricoverati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento