menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Persone in difficoltà e senzatetto, parte il piano di accoglienza invernale

Assessora Urbelli: “Abbiamo ampliato i posti e individuato tre tipologie. Ma resta la scure del decreto Salvini: potremmo trovarci in strada centinaia di irregolari”

Poi funzionerà un servizio di accoglienza (30 posti) con presidio diurno, finanziato con i fondi europei del Pon Inclusione, che prevede azioni di accoglienza, mediazione, ascolto e orientamento. Sarà rivolto a persone residenti o comunque radicate sul territorio e finalizzato a migliorare le condizioni dell’individuo nell’ottica del reinserimento sociale.

Una terza modalità di accoglienza notturna (30 posti) è rivolta invece a persone senza fissa dimora con dipendenze da sostanze o alcol; costituisce una novità introdotta alla luce delle rilevazioni effettuate lo scorso inverno quando, tra le persone intercettate, molte non erano conosciute e una cinquantina aveva importanti problemi sanitari consumando droghe, alcool o avendo gravi problemi di salute mentale. Per questo tipo di persone l'accoglienza, per avere caratteristiche di sicurezza, deve svolgersi all'interno di modelli di accoglienza coprogettati con i servizi sanitari che prevedono l'avvio dei percorsi di cura. Il nuovo servizio d’accoglienza sarà pertanto gestito, oltre che finanziato, insieme al dipartimento Salute mentale e tossicodipendenze dell'Ausl che garantisce la valutazione preliminare dei casi dal punto di vista sanitario e della sicurezza sociale.

Inoltre, parte dei posti che l’amministrazione comunale ha attivato durante tutto l’anno (complessivamente 33) presso l’Associazione Porta Aperta, vengono utilizzati per l'accoglienza invernale di persone con fragilità sanitarie.

Infine, qualora si ravvisino condizioni di eccezionale gravità in relazione alle temperature climatiche, saranno attivati, con la collaborazione della Protezione civile, uno o più centri d’accoglienza temporanei e straordinari.

Condizione primaria per poter usufruire dell’accoglienza è sempre  il rispetto della legalità e delle regole della struttura e l’osservanza di comportamenti che non possano nuocere agli altri ospiti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la provincia di Modena sarà "zona rossa" da giovedì 4 marzo

Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento