Attualità

Nove postazioni in provincia di Modena, la mappa per la fase 2 della vaccinazione

Sette comuni per coprire tutto il territori, con alcuni punti secondari ancora in fase di studio. Il piano Ausl illustrato oggi ai sindaci

Nove punti vaccinali principali, situati in sette comuni sparsi sul territorio provinciale modenese, ai quali si aggiungeranno altrettante sedi secondarie, tuttora allo studio. Sarà questa l'articolazione logistica della fase 2 del piano vaccinale anti Covid-19 predisposto dall'Ausl di Modena e presentato nel corso della Conferenza territoriale sociale e sanitaria della Provincia di Modena, presieduta da Gian Carlo Muzzarelli, sindaco di Modena, che si è riunita in video conferenza lunedì 1 febbraio, alla presenza delle autorità sanitarie e i sindaci 

Il piano dell'Ausl di Modena prevede punti vaccinali principali che potranno essere integrati con altri punti secondari a seconda delle specifiche esigenze dei territori, allo scopo di favorire un acesso il più agevole possibile.  

A Modena le sedi principali saranno due: la prima nell'hangar 3 della caserma Setti nell'ex area dell'Aereonautica militare e a Baggiovara; allo studio un altro punto secondario al centro prelievi del centro commerciale La Rotonda.

Pavullo prevista una sede principale al centro prelievi, con sedi secondarie in fase di valutazione, tra cui quelle a Fanano e nell’alto Frignano.

A Vignola la sede principale sarà all'oratorio della chiesa di Brodano, nel distretto di Sassuolo la sede sarà a Fiorano con lo studio avviato di sedi secondarie a Montefiorino, Palagano e Frassinoro.

A Castelfranco Emilia la sede principale sarà allestita al palazzetto dello sport, mentre a Mirandola saranno due: all'ex circolo Acquaragia nel centro abitato e Palaround di S. Felice sul Panaro.

A Carpi la sede principale sarà il centro prelievi di Carpi  con allo studio una sede secondaria a Fossoli. In tutte le sedi sono stati fatti i sopralluoghi e si sta provvedendo dove necessario agli allestimenti e al cablaggio.

Come ha illustrato Antonio Brambilla, direttore dell'Ausl di Modena, «il piano è tuttora in fase di definizione con la collaborazione di tutti i soggetti, grazie ai quali sono già state individuate le sedi principali, con l'impegno di prevedere altre sedi secondarie al fine di favorire l'accesso dei cittadini, un'impresa che tuttavia richiede un'organizzazione complessa in termini tecnici, di personale, sicurezza e conservazione di cui occorre tenere conto. Intanto siamo pronti per partire con la vaccinazione anche a domicilio degli over 80 anni, non appena ci sarà l'autorizzazione del comitato regionale». Come ha ribadito Silvana Borsari, direttrice sanitaria dell'Ausl di Modena, «per ora sono state individuate le sedi principali per distretto, tenendo conto delle disponibilità dei vaccini e delle esigenze di carattere tecnico, ma in futuro, anche con l'arrivo di altre tipologie di vaccino, questa rete sarà ampliata».

Costante calo dei ricoverati a Modena, ancora isolate a casa 6.451 persone

Coronavirus, percentuale di positivi in rialzo. Poco più di mille i nuovi casi in regione

Nanomedicine, finanziamento internazionale ad Unimore per le malattie prioniche

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove postazioni in provincia di Modena, la mappa per la fase 2 della vaccinazione

ModenaToday è in caricamento