Lunedì, 21 Giugno 2021
Attualità Ospedale Universitario / Via del Pozzo

Infanzia, si rinnova la tradizione della pigotta Unicef per i bambini del Policlinico

Trent’anni fa la firma della “Convenzione dei Diritti dei Bambini e delle Bambine”, oggi la consegna delle bambole per la Pediatria

Oggi è il trentennale della Convenzione ONU dei Diritti dei Bambini e delle Bambine, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989 e ratificata dall'Italia il 27 maggio 1991 con la Legge n. 176. Per ricordare questo avvenimento di importanza epocale, è stato deciso di consegnare idealmente le Pigotte di UNICEF in degenza pediatrica al Policlinico di Modena. La Pigotta in Ospedale per piccoli ricoverati è una tradizione UNICEF ormai pluriennale che, dopo la parentesi novembrina dello scorso anno causa pandemia, ritorna a maggio anche se qualche giorno dopo la Festa della Mamma, per ricordare la ratifica del trattato ONU che è stato recepito in ben 196 Stati. La consegna è avvenuta stamattina nella degenza del Dipartimento Materno Infantile del Policlinico, alla presenza, tra gli altri, del Direttore, prof. Lorenzo Iughetti, di Anna Mucciarini e della prof.ssa Fiorella Balli di UNICEF e delle maestre dello Spazio Incontro Ivana Carri, e Caterina Mandelli, Spazio Scuola.

Anche quest’anno, nonostante questa pandemia, UNICEF ha voluto comunque far arrivare loro il dono della caratteristica bambola – ha ricordato il prof. Lorenzo Iughetti – e Questo dono vuole ricordare quanto sono importanti i diritti al gioco dei bambini, anche in situazioni difficili, come quella che stiamo vivendo”.

“Abbiamo affidato le Pigotte alle Maestre della Scuola Ospedaliera che seguono i bambini della Pediatria, dell’Oncoematologia Pediatrica e della Chirurgia Pediatrica, per la distribuzione secondo i protocolli di sicurezza COVID19, Ringraziamo Coop Alleanza 3.0 nella persona della Presidente della Zona Soci di Modena, Franca Bassoli e l’Associazione C.I.D., Curare il Dolore Onlus, nella persona della Presidente Giovanna Vignoli, che sono costantemente vicine a UNICEF in questa manifestazione”. ”. Ha spiegato Anna Mucciarini di UNICEF.

Nella "Convenzione dei diritti" – ha spiegato la prof.ssa Fiorella balli di UNICEF - sono riportati i diritti riconosciuti a ogni bambino, senza alcuna distinzione. Tra questi, quattro vengono identificati come principi fondamentali: il diritto alla non discriminazione, il rispetto del superiore interesse del bambino, il diritto alla vita, alla sopravvivenza e a un corretto sviluppo e il diritto all’ascolto. I paesi che hanno ratificato la Convenzione, l’Italia è fra questi, si sono impegnati a difendere e ad attualizzare tali principi fondamentali.

Le 40 Pigotte sono le classiche bambole di pezza confezionate da volontarie, che dal 1988 sono diventate un simbolo per le campagne di raccolta fondi promosse dall’UNICEF.

Adottando una Pigotta si ha modo di finanziare la vaccinazione di bambini meno fortunati, contro alcune delle più diffuse malattie che causano l’alta mortalità infantile in tante zone del mondo: poliomielite, difterite, pertosse, morbillo, tetano e tubercolosi. Regalando la bambola UNICEF ai bimbi malati si vuole donare loro un sorriso e associarlo al sorriso di bambini di altri Paesi che saranno preservati da gravi malattie infettive.

In particolare, in quest’anno di pandemia con il ricavato delle Pigotte si provvederà inoltre ad aiutare l’istruzione di tanti bambini svantaggiati non solo nel mondo, ma anche sul nostro territorio italiano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infanzia, si rinnova la tradizione della pigotta Unicef per i bambini del Policlinico

ModenaToday è in caricamento