menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondazione Modena Arti Visive, passo indietro della Baldon. Arriva Daniele Pitteri

La direttrice, spesso assente da Modena per ragioni di vita privata, rinuncia al ruolo esecutivo. Al suo posto l'epserto curatore e docente universitario

Cambio al vertice della Fondazione Modena Arti Visive, l'organismo culturale che in città riunisce Galleria civica, Fondazione Fotografia, Museo della figurina. Nominata direttrice Fmav a fine 2017 e fino ad allora attiva soprattutto in Svezia, dove aveva guidato la Malmö Konsthall, Diana Baldon fa un ora un passo indietro, passando da 'capo', in sostanza, a un ruolo non esecutivo. 

Dall'1 aprile, a succederle nel ruolo di direzione sarà infatti Daniele Pitteri. Nato a Napoli, Pitteri arriva a Modena dopo un'esperienza pluriennale nella gestione di enti e associazioni culturali, sia privati sia pubblici, nella quale spicca la direzione, dal 2016 a oggi, del complesso museale Santa Maria della Scala di Siena. 

Baldon, la cui scarsa presenza fisica a Modena aveva fatto discutere in città, comunque non esce, almeno per ora. Spiega il presidente della Fondazione Gino Lugli: "Il Cda ha accolto la richiesta della dottoressa Diana Baldon di modificare il proprio ruolo da direttrice generale a curator at large di Fondazione Modena Arti Visive, per poter conciliare al meglio i suoi impegni professionali con le esigenze indifferibili della sua vita privata, affidando a un'agenzia di recruitment, il compito di selezionare una figura professionale all'altezza del ruolo da ricoprire". 

Una prima selezione su un "ampio" campione di candidature, continua Lugli, ha portato dunque "alla scelta di tre nomi da cui è scaturito quello di Daniele Pitteri, che ha un profilo professionale ampio con competenze curatoriali e comunicative e con una pluriennale esperienza nel management culturale. Il suo incarico avrà una durata di tre anni". 

Baldon intanto commenta: "Sono certa che la collaborazione nel ruolo di curator at large ci consentirà di continuare nello sviluppo del lavoro già impostato, conseguendo sempre nuovi e piu' ambiziosi obiettivi che si aggiungeranno a quelli raggiunti". 

(DIRE)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, solo 97 casi nel modenese. Corrono le guarigioni

Attualità

Contagio. Oggi a Modena 150 casi, ma percentuale stabile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento