Attualità

Ponte Alto, il 2 giugno si “riparte” con il pranzo della Repubblica

I Circoli Pd della città di Modena organizzano per mercoledì 2 giugno un pranzo della Repubblica nella consueta area di Ponte Alto. Sarà un’anteprima della Festa de l’Unità cittadina che, anche quest’anno, sarà la prima a ripartire a livello nazionale. Per l’occasione è atteso un video-messaggio di saluto da parte del segretario nazionale Pd Enrico Letta

Sarà un’anteprima della prossima Festa de l’Unità organizzata, appositamente, in una data dal grande valore simbolico: mercoledì 2 giugno riprende l’attività nell’area di Ponte Alto con il “pranzo della Repubblica”, iniziativa a sostegno dei Circoli Pd della città di Modena che farà, sostanzialmente, da apripista per gli eventi dell’estate, ora che finalmente le norme e la situazione dei contagi consentono di tornare a realizzare iniziative in presenza.

“Abbiamo scelto il giorno della Festa della Repubblica – spiega il segretario cittadino Pd Andrea Bortolamasi – perché è una data simbolo che quest’anno assume il significato ulteriore di speranza di  ripresa e ripartenza. Possiamo finalmente tornare a guardarci negli occhi e a sederci attorno a uno stesso tavolo, naturalmente sempre nel rispetto delle nome per il contrasto alla diffusione della pandemia”.

Per partecipare al pranzo della Repubblica, la prenotazione, quindi, è obbligatoria. Basta telefonare ai numeri 059/899.873; 059/582811 o 338/4552366. Il menù è alla carta e prevede sia piatti di pesce che della tradizione locale.

“Questo pranzo – continua Andrea Bortolamasi - segna un nuovo inizio e l’abbiamo pensato come anteprima della Festa de l’Unità della città che anche questa primavera siamo stati costretti a cancellare, ma che, come già l’anno scorso, recupereremo già a giugno. Modena sarà la prima Festa de l’Unità a livello nazionale a tornare a riaprire, come peraltro accadde già l’anno scorso”. Per l’occasione il segretario nazionale Pd Enrico Letta manderà un video-messaggio a tutta la comunità politica del Partito democratico.

E’ un orgoglio per noi poter di nuovo essere i primi a riaprire – conclude Bortolamasi  - e ancora una volta per questo dobbiamo ringraziare tutti i nostri volontari che non hanno fatto mancare la loro grande disponibilità sostenuta da una vera passione politica. C’è la necessità di ritrovarsi tutti insieme, abbiamo bisogno di ricostruire i fili delle nostre comunità, per rimetterci in cammino”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte Alto, il 2 giugno si “riparte” con il pranzo della Repubblica

ModenaToday è in caricamento