menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa di riposo Cisa di Mirandola, salgono a 50 gli ospiti positivi

Altri 16 anziani contagiatinell'ultima settimana. I gestori incassano però l'approvazione dell'Ausl sulle procedure interne

Purtroppo si sono registrati nuovi casi di positività al coronavirus presso la struttura residenziale per anziani Cisa di Mirandola, facente capo ad Asp, Azienda pubblica di servizi alla persona dell’Area Nord. Il direttore generale di Asp Roberta Gatti e il presidente Stefano Paltrinieri forniscono un breve aggiornamento della situazione, dopo l'accertamento di altri 16 contagi nell'ultima settimana.

"Ad oggi – spiega Roberta Gatti – il numero dei positivi in casa residenza è purtroppo salito a 50 su un totale di 85 ospiti. I positivi ricoverati in ospedale sono sempre tre. Nel pomeriggio di venerdì 4 dicembre il personale della struttura si è incontrato in videoconferenza con il team degli infettivologi dell’Ausl di Modena per un esame delle procedure adottate fino ad oggi. L’incontro ha avuto esito positivo: sono stati confermati i percorsi in essere e approvate le modalità organizzative messe in campo per fronteggiare l’emergenza, compresa la tipologia di Dpi utilizzati da tutto il personale ancor prima dell’insorgenza dei primi contagi. Continua l’attività di screening di tutti gli ospiti e di tutto il personale con scadenze molto ravvicinate, come da indicazione dell’Ausl. Grazie al grosso lavoro di rete tra i servizi di Asp, l’organico socio-assistenziale del Cisa è stato almeno parzialmente integrato con operatori provenienti dal Servizio di assistenza domiciliare e dalle altre due case residenza. Sono stati inoltre attivati contratti con agenzie di somministrazione".

"Per quanto riguarda il comparto sanitario – prosegue Gatti – desidero ringraziare il dottor Angelo Vezzosi, direttore del Distretto di Mirandola che, unitamente alla sua equipe, sta supportando quotidianamente la struttura e ha organizzato l’intervento di medici dell’Unità speciale di continuità assistenziale per tamponare l’assenza per Covid dei due medici di riferimento del Cisa. Desidero ringraziare inoltre la dottoressa Arianna Tangerini per la disponibilità ad entrare in supporto all’equipe sanitaria della casa residenza fortemente colpita dai contagi. Il servizio risorse umane dell’Ausl di Modena si è inoltre attivato per l’invio di un infermiere ad integrazione dell’organico aziendale a partire dal prossimo 16 dicembre. Un altro doveroso ringraziamento infine va al dottor Antonio Scavuzzo, Presidente del Comitato Regionale della Croce Rossa Italiana che insieme al dottor Fabrizio Fantini, presidente del Comitato locale della Cri di Carpi, si sono prodigati per inviare un gruppo di Crocerossine volontarie che affiancheranno gli infermieri nell’assistenza agli ospiti". 

Il presidente di Asp Stefano Paltrinieri precisa che "sulla situazione sono costantemente aggiornati tutti i sindaci dell’Area Nord oltre al sindaco di Mirandola Alberto Greco, insieme al quale è stato informato il Prefetto della Provincia di Modena, preallertandolo sulla eventuale necessità di intervento qualora la situazione non fosse più sostenibile. Inoltre i vertici della Regione Emilia-Romagna sono a conoscenza del lavoro estenuante al quale sono sottoposti gli operatori e quindi auspichiamo risposte rapide e efficaci".

Dpcm Natale 2020: chi si potrà spostare tra regioni e comuni anche dopo il 21 dicembre

Sci di fondo e ciaspolate, "la Regione dia il via libera come in tutto il nord Italia"

Dpcm Natale, Bonaccini: "Derogare per non lasciare soli papà e nonni"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ferrari, a maggio apre il ristorante Cavallino di Maranello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento