L’Istituto “P. Levi” di Vignola progetta un lucchetto smart e sale sul podio di House of the Future

La competizione, promossa dall’Unione Europea, ha visto la partecipazione di circa 20 team composti da studenti universitari e delle scuole superiori di Italia, Germania, Austria, Croazia, Slovenia e Polonia. I giovani studenti degli indirizzi Meccatronica e Automazione dell'istituto vignolese si sono aggiudicati un premio di 750 euro, utilizzabile per acquistare libri e materiale didattico

La ricerca e l’innovazione made in Vignola vengono riconosciute e premiate a livello internazionale: l’Istituto “P. Levi” ha infatti conseguito un eccellente risultato, piazzandosi al terzo posto assoluto nel contest House of the Future promosso dall'Unione Europea, che ha visto gareggiare una ventina di squadre composte da studenti universitari e delle scuole superiori di sei Paesi (Italia, Germania, Austria, Croazia, Slovenia e Polonia), impegnate a progettare funzioni innovative ad alta tecnologia per oggetti di uso quotidiano.

I giovani studenti degli indirizzi Meccatronica e Automazione dell'istituto vignolese - coordinati dagli insegnanti Carla Cavazzuti, Simona Cannazza ed Umberto Leonardi - hanno messo a punto il progetto di uno smart lock (lucchetto intelligente) dotato di funzionalità assolutamente originali: apertura con impronta digitale, chiusura automatica ad orari programmabili, monitoraggio a distanza degli stati aperto/chiuso. Talmente innovativo da meritarsi il podio ed il relativo premio: un voucher dal valore di 750 euro, utilizzabile per acquistare libri e materiale didattico.

La partecipazione dell’Istituto “P. Levi” alla competizione internazionale è stata supportata e coordinata da Crit Srl, centro vignolese specializzato nella ricerca, analisi ed innovazione tecnologica applicata all'industria. Sono dunque due le realtà vignolesi che si sono distinte in questo contest, realizzato all'interno del progetto Interreg Synergy dell'Unione Europea che è promosso per facilitare la cooperazione transnazionale nel settore della ricerca e dello sviluppo industriale, ed ha messo in competizione, insieme agli studenti, anche ricercatori, piccole e medie imprese e start-up delle sei nazioni partecipanti.

La gara europea ha coinvolto complessivamente circa 50 allievi del “P. Levi”: i ragazzi sono stati suddivisi in alcuni gruppi, ognuno dei quali ha ideato una soluzione innovativa, sviluppandone poi un modello in 3D ed accompagnandola con un dettagliato report in inglese. Ed è stata proprio una delle squadre vignolesi (che, ispirandosi ai supereroi dei telefilm giapponesi, aveva scelto come nome di battaglia Power Rangers) ad aggiudicarsi il terzo posto in classifica. Piazzamento tanto più significativo se si pensa che le prime due posizioni sono state occupate da team composti da studenti universitari di Croazia e Germania, quindi più grandi e più avanti negli studi rispetto ai concorrenti italiani.

La proclamazione ufficiale dei vincitori del contest è stata realizzata nei giorni scorsi in videoconferenza. Nell’occasione è stata attribuita da parte della giuria anche una menzione speciale ad un’altra squadra dell’Istituto “P.Levi: si tratta del team Krusty Krab, ideatore di un piatto da viaggio con controllo digitale, capace di riscaldare o raffreddare le pietanze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento