Attualità

Guida Autonoma, il progetto Masa si rilancia: lo sviluppo continua

Il Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Unimore ha ospitato un incontro del Modena Automotive Smart Area che ha visto presente in città, assieme al Rettore Carlo Adolfo Porro ed al Sindaco Giancarlo Muzzarelli, l’Assessore regionale allo Sviluppo economico, green economy, lavoro e formazione Vincenzo Colla

MASA - Modena Automotive Smart Area ha rinnovato il proprio impegno e ruolo all’interno della collaborazione pubblico-privata sui temi di innovazione tecnologica e digitalizzazione, presentando le prossime fasi di sviluppo del progetto in un incontro promosso dal Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari - DIEF.

L’incontro, che si è tenuto lunedì 3 maggio 2021, è stato un momento di condivisione e rilancio delle attività in essere, data la centralità dei temi di digitalizzazione che insistono nel campo della mobilità intelligente e sostenibile. La mattinata si è svolta in due momenti: il primo dimostrativo presso il Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari- DIEF di Unimore, poi presso il nuovo Data Center Modena Innovation hub, punto nevralgico del living lab MASA, situato nella zona dell’ex Mercato bestiame, realizzato nell’ambito del “Progetto Periferie. Ri-generazione e innovazione” dell’area nord”.

Alla giornata hanno partecipato l’Assessore Regionale allo Sviluppo economico, green economy, lavoro e formazione Vincenzo Colla, il Sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli, il Rettore di Unimore Carlo Adolfo Porro ed il prof. Francesco Leali del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari - DIEF.

VIDEO | Veicoli a guida autonoma, il futuro è già realtà sulle strade di Modena

MASA, come nasce e perché

Il sistema nazionale legato al settore automotive trova nella “Motor Valley” in Emilia-Romagna un polo di eccellenza a livello internazionale, caratterizzato dalla presenza sul territorio di alcuni dei più prestigiosi costruttori di veicoli e componenti (Ferrari, Maserati/Alfa Romeo, Lamborghini, Dallara, Magneti Marelli, Pagani Automobili, Ducati, Energica, Dallara, Toro Rosso) e delle relative filiere di fornitori. Al fine di mantenere alta la propria competitività a livello internazionale, oggigiorno è prioritario gestire: l’introduzione graduale e costante dei nuovi paradigmi di riferimento, garantendo l’evoluzione tecnologica dei prodotti/processi manifatturieri; il coinvolgimento e la centralità dei cittadini nel processo di trasformazione digitale; la ricerca e lo sviluppo di soluzioni innovative e sostenibili che (ri)portino il sistema della ricerca nazionale al centro del panorama internazionale. In questo contesto nasce nel 2017 MASA, Modena Automotive Smart Area, che si propone come cosistema aperto e collaborativo di innovazione e ricerca tra attori pubblici e privati, raccogliendo gli interessi e valorizzando le competenze dei partecipanti al progetto. 

Unimore, nel suo ruolo accademico, offre un contributo fondamentale con attività di ricerca, formazione e insegnamento,  i partner privati - AD Consulting e Danisi Engineering, che hanno messo a disposizione le proprie competenze tecnologiche, e l'Aerautodromo di Modena veicolano il programma di ricerca industriale, finalizzato allo sviluppo di soluzioni per una mobilità sicura ed efficiente,  mentre il Comune di Modena permette di attuare azioni sul territorio, migliorando la qualità della vita dei cittadini, investendo nella riqualificazione urbana e tecnologica e mettendo la mobilità a sistema con altre reti ed infrastrutture collettive.

MASA si configura come un living lab, ossia uno spazio aperto di ricerca e sperimentazione, immerso in contesti reali, in cui imprese, centri di ricerca, pubblica amministrazione ed utenti finali sviluppano nuove applicazioni, tecnologie e servizi nel campo della mobilità intelligente e sostenibile. Ad oggi il numero di progetti europei che coinvolgono le infrastrutture ed i ricercatori attivi in MASA, per i quali Unimore ha conseguito il finanziamento sui temi della guida autonoma e connessa, è pari a 7 con un budget complessivo di circa 1.6 M€.

Da queste attività di ricerca ne è scaturito, nel corso di questi primi anni di attività, un importante impatto a livello regionale derivante dalle attività di trasferimento tecnologico verso le aziende del territorio, che possono entrare in contatto con le soluzioni innovative sviluppate all’interno di MASA, progetti da portare in sperimentazione/certificazione ed interazione in rete con altri attori industriali per partnership di sviluppo. La sperimentazione del modello MASA di partenariato pubblico-privato ha permesso la sinergica collaborazione tra attori pubblico-privati ed il potenziamento del ruolo di Unimore nel rapporto con le istituzioni locali, regionali e nazionali con la finalità di trasferire competenze, conoscenze e tecnologie al territorio. In particolare, è del 2018 la firma del protocollo d’intesa tra Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Unimore e Comune di Modena per promuovere la sperimentazione di soluzioni innovative per la guida autonoma e connessa. Numerose sono le attività di public engagement che hanno coinvolto la cittadinanza, i partner industriali e le istituzioni del territorio dal 2017. I primi eventi annuali organizzati presso l’Autodromo di Modena, fino all’organizzazione del primo MASA DAY entro la cornice del Motor Valley Fest nel 2019, poi rinnovato nel 2020 in versione online. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guida Autonoma, il progetto Masa si rilancia: lo sviluppo continua

ModenaToday è in caricamento