rotate-mobile
Attualità

Prevedere le inondazioni? Ecco lo studio firmato Unimore

Pubblicato sulla rivista ‘Advances in Water Resources’ uno studio Unimore che mostra come sia oggi possibile preannunciare le inondazioni delle piene alluvionali in tempi di calcolo brevi

È stato da poco pubblicato sulla rivista Advances in Water Resources uno studio condotto da Simone Pizzileo, Giovanni Moretti e Stefano Orlandini del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Unimore, che mostra come sia oggi possibile preannunciare le inondazioni delle piene alluvionali in tempi di calcolo brevi, dell’ordine dei 10 minuti, e con il dettaglio della singola abitazione o del singolo insediamento industriale.

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

Quando si ha un sormonto o un collasso arginale, come è successo in diverse occasioni negli ultimi anni nei territori di Modena e Reggio Emilia e nel 2023 in Romagna, è utile disporre di modelli numerici che descrivano in anticipo l’evoluzione nello spazio e nel tempo dell’inondazione. Questo al fine di supportare le operazioni di soccorso e la sicurezza delle persone, degli animali, e anche dei beni che sono minacciati dalle acque.

La descrizione del terreno basata sui rilievi topografici a elevatissima risoluzione (rilievi lidar) e su metodi di analisi del terreno che permettano di usare il dettaglio topografico solamente dove è utile (algoritmo LANDMARK sviluppato dal Laboratorio di Idrologia Unimore) permette di incorporare nei modelli di previsione le macrostrutture topografiche, come alberi ed edifici, e di superare importanti approssimazioni comunemente fatte nei metodi esistenti.

Con l’innovazione apportata da questo lavoro – specifica il Professor Stefano Orlandini – riusciremo per esempio a preannunciare quali case saranno allagate e quali rimarranno invece all’asciutto all’interno di una città inondata durante eventi come quello di Milano in questi giorni”.

Lo studio è intitolato “Flood plain inundation modeling with explicit description of land surface macrostructures” ed è disponibile in Open Access sul sito della rivista Advances in Water Resources 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevedere le inondazioni? Ecco lo studio firmato Unimore

ModenaToday è in caricamento