Cavazzona, oggi la posa della prima pietra della nuova scuola primaria

«Posare la prima pietra di una scuola equivale a consolidare con assoluta concretezza il concetto di democrazia, quella democrazia culturale a cui tutti dobbiamo contribuire ogni giorno». Queste le parole del Sindaco di Castelfranco Emilia Giovanni Gargano per sottolineare l’importanza della nuova edificazione scolastica a Cavazzona, in via dei Cantastorie, dove tra circa un anno sorgerà tra la nuova scuola primaria. Questa mattina, alla presenza delle Autorità e della cittadinanza, la posa della prima pietra per quello che è anche un importante e concreto esempio di partnership pubblico-privata. La realizzazione della scuola, che nascerà nell’ex area degli orti, sarà infatti curata in toto, dalle fondamenta agli arredi, da Magni Telescopic Handlers srl - impresa castelfranchese leader nella produzione dei telescopici fissi e rotativi, e attiva nei principali mercati internazionali – con un investimento complessivo di 1,6 milioni di euro a titolo di contributo di sostenibilità al posto degli oneri di urbanizzazione previsti per la realizzazione della nuova sede unica della società, sempre a Cavazzona.

«Siamo orgogliosi di essere qui, oggi, dove si trovano le maggiori attività industriali del paese, nate da quel seme che Pietro Magni gettò anni fa, a posare la prima pietra della Scuola Elementare che desidero dedicare a lui» ha dichiarato con non poca emozione Riccardo Magni, Presidente della società, a cui ha fatto eco il Vice-Sindaco di Castelfranco Emilia Denis Bertoncelli puntando la lente d’ingrandimento «sull’importanza di questo intervento strutturale che va a migliorare ulteriormente il patrimonio scolastico del nostro territorio realizzando, nel contempo, un nuovo polo industriale di primaria importanza a livello provinciale. Una volta ultimati i lavori, tra circa 12 mesi, Cavazzona avrà a disposizione un edificio scolastico all’avanguardia dal punto di vista sismico ed energetico, e nuovi spazi più funzionali per la didattica e per le attività extrascolastiche».

Il nuovo edificio, infatti, come ha sottolineato anche l’Architetto Bruno Marino, Dirigente Settore Tecnico e Sviluppo del territorio del Comune di Castelfranco, «sarà un unico piano, fuori terra, interamente realizzato con materiali ed impianti tecnologici assolutamente innovativi, ed è stato progettato per coprire, in termini di aule e spazi previsti, un intero ciclo scolastico. Non solo. Questa nuova scuola, che avrà a disposizione anche una nuova mensa, una nuova palestra e nuovi laboratori informatici, è stata progettata per essere fruita anche per altre attività come, ad esempio, riunioni di comitati di prossimità e come nuovo presidio fisso di Protezione Civile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento