Primo giorno di attività negli asili di Modena, fra mascherine e "gruppi bolla"

A Modena per migliaia di bambini l’attività educativa è ripresa martedì 1 settembre. Sindaco e Assessore all’Istruzione in visita ad alcuni servizi educativi comunali

Primo giorno di “scuola” per nidi e scuole d’infanzia di Modena. Sono infatti i bambini dei nidi comunali, convenzionati e della Fondazione Cresciamo, ugualmente a quelli delle scuole d’infanzia comunali e della Fondazione, i primi a entrare nelle loro strutture dopo la decisione del Comune di anticipare l’inizio dell’attività educativa a martedì 1 settembre, come consentito dalle normative nazionali e regionali.

La ripresa dell’attività è stata sottolineata dalla visita del sindaco Gian Carlo Muzzarelli e dell’Assessore all’Istruzione Grazia Baracchi ad alcuni servizi comunali per augurare simbolicamente a tutti i bambini, le famiglie, i docenti e il personale un buon avvio di anno educativo. La visita si è svolta al plesso Forghieri di via Frescobaldi che comprende nido e scuola d’infanzia e al nido di via del Gambero.

Complessivamente sono 44 i nidi (13 comunali, 2 in Cresciamo e 29 con posti convenzionati) e 22 le scuole d’infanzia (12 comunali e 10 gestite dalla Fondazione Cresciamo) che hanno già riaperto i cancelli analogamente a quanto fanno in questi giorni le scuole d’infanzia Fism, altro tassello dei Servizi Integrati Modena 0/6.

Educatori e collaboratori hanno accolto i bambini a gruppi, a partire da quelli che già frequentavano lo scorso anno: circa 400 solo nei nidi comunali e della Fondazione, ai quali nei prossimi giorni si aggiungeranno circa altri 350 nuovi ingressi. Mentre oltre un migliaio di bambini è sta rientrando nella propria scuola d’infanzia comunale o della Fondazione e altri 500 lo faranno per la prima volta nei prossimi giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo modello organizzativo vede i “gruppi bolla” per far sì che i contatti tra bambini e tra bambini e operatori siano quanto più possibile circoscrivibili, dispositivi di sicurezza in uso al personale, le procedure di igienizzazione e pulizia approfondita, i percorsi differenziati di entrata e uscita disegnati a colori vivaci e la preferenza per lo svolgimento delle attività all’aperto, mentre all’ingresso viene registrato nome e riferimento telefonico dell’unico genitore che accompagna o ritira il bambino come di tutte le persone che entrano e escono dalla struttura per garantire la tracciabilità dei contatti. Tutto, dalle modalità di somministrazione del pasto al ripensamento dell’utilizzo degli spazi, è pensato in funzione delle disposizioni anti Covid a cui è stato preventivamente formato il personale entrato in servizio già dal 25 agosto, ma sempre tenendo fermi gli obiettivi pedagogici e il benessere del bambino che sono la ragion d’essere del servizio educativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion e autocisterna si scontrano e prendono fuoco, una vittima in Autosole

  • Accademia Militare, per la prima volta una donna è la più meritevole fra gli Allievi

  • Covid, 49 positivi a Modena. Deceduto un 66enne di Vignola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nominati gli ambasciatori 2020 della Confraternita del Gnocco d'Oro

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento