Ex scuole Carducci, presentato il progetto per il Centro Disabili "Dopo di noi"

Firmato questa mattina al castello l’impegno fra Rock No War e Comune di Formigine per la realizzazione del servizio all'interno della struttura dismessa

L’edificio principale

Per quanto riguarda gli edifici principali delle ex scuole, si evidenzia che sarà recuperato l’edificio principale delle ex-Carducci per totali 700 mq. circa, destinandolo ad uffici e sale di uso pubblico con riuso dei grandi corridoi a galleria pubblica 230 mq. che potrà ospitare mostre ed altri eventi culturali. Vi saranno al piano primo uffici 230 mq. per l’operatore-gestore delle nuove strutture in progetto. Il piano seminterrato di 230 mq. sarà utilizzato come centrale tecnica per impianti idrici termici e elettrici e di TLC oltre a magazzino e cantina per tutto il nuovo complesso edilizio. L'edificio necessita per il suo riuso il miglioramento sismico strutturale degli impalcati e il rifacimento della copertura in cattivo stato di conservazione. Si prevede il restauro delle finiture interne ed esterne in particolare i pavimenti interni, la valorizzazione della faccia a vista mediante una sagramatura leggera dei fronti esterni.

Gli spazi per il co-housing

Per quanto riguarda il co-housing, l'edificio è costituito da 3 piani fuori terra più un piano interrato. Al suo interno si prevedono 10 monolocali da due posti letto e 2 appartamenti per 5 posti letti per un totale di massimo 30 posti letto, in relazione alle diverse esigenze del gestore. Sarà una struttura che consentirà adattamenti continui trasformabile per affrontare le criticità sociali e razionalizzare i costi di gestione, da destinare a piccoli nuclei famigliari, anziani, giovani con fragilità, persone con una lieve e grave disabilità ma costrette da una emergenza assistenziale. Il sistema costruttivo a grandi luci su pilastri, permetterà di avere ampi spazi senza ingombri per una distribuzione interna molto flessibile con solo vincolo del collegamento verticale delle scale con ascensore. Sarà dotato di piano interrato con 16 posti auto accessibile da rampa con pendenza inferiore al 20% di 507 mq. compreso di locale tecnico. Il piano terra è caratterizzato dalla realizzazione di un porticato di 125 mq. con negozi lungo via Pio Donati, utilizzabile dagli studenti della scuola media Fiori e dal centro storico. I negozi di 365 mq complessivi possono essere adattati ad ambulatori e servizi per gli utenti residenti nella struttura, micronidi. La sala di soggiorno sarà allestita per incontri e conferenze, la scala collegherà i piani primo e secondo per totali 970 mq. destinati agli alloggi e agli spazi comuni, inoltre il percorso interno con le ex scuole Carducci farà da cerniera di collegamento coperto con le attività dei co-housers. In ogni piano c’è una sala comune adattabile a molteplici usi.

Le abitazioni del “Dopo di noi”

Gli edifici per la residenza dei disabili sono costituiti da 5 unità di 56 mq. ognuna composte da due posti letto ciascuno per totale di 10 residenti, totale 280 mq. e sono destinate a persone caratterizzate da un livello di disabilità tale da non richiedere contesti particolarmente protetti. Le abitazioni sono state progettate per coloro che sono privi di sostegno famigliare o con una rete familiare non in grado di assicurare al disabile una permanenza costante all'interno del domicilio. Daranno la possibilità di sperimentare periodi di vita autonoma ed indipendente nell’ottica del “Durante Noi... Dopo di noi”. Le abitazioni avranno alti standard di qualità costruttiva e un concept innovativo per soddisfare i bisogni della persona e attività riabilitative, abitazioni utili a creare una rete sociale a sostegno del gruppo di persone disabili. Il sistema costruttivo delle abitazioni sarà in legno totalmente autonoma dal punto di vista energetico, le tecnologie interne permetteranno maggiore autonomia. Saranno destinate a 10 persone con disabilità del territorio. Una casa sicura e accogliente nella quale proseguire il percorso di vita, una struttura inserita nel centro cittadino e integrata nella comunità. Gli alloggi saranno distribuiti tutti al piano terra, con ampie vetrate scorrevoli facilmente apribili, dotati di una piccola cucina e servizi, ma potranno anche utilizzare lo spazio ristoro collocato a fianco.

Il cronoprogramma dei lavori

Da giugno a settembre 2020 si svolgeranno le demolizioni. Da ottobre a dicembre 2020 si realizzeranno l’interrato dell’edificio Co-Housing e tutte le altre fondazioni ed in parallelo si inizieranno i lavori di consolidamento e miglioramento sismico nel corpo centrale delle ex- scuole Carducci. Da gennaio ad aprile 2021 si completeranno tutte le strutture al grezzo e sarà terminato il corpo ex scuola Carducci. Da maggio a luglio 2021 saranno completate le case-design del Dopo di Noi e saranno completati tutti gli impianti del CoHousing e del Punto-Ristoro  con palestra. Dal marzo al novembre 2021 si svolgeranno tutte le piantumazioni, aree esterne ed i collegamenti verticali e orizzontali ciclabili marciapiedi ecc. Da settembre a dicembre 2021 si prevede il completamento delle finiture degli ultimi due edifici Co-Housing e Punto Ristoro con Palestra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

Torna su
ModenaToday è in caricamento