Dispersione scolastica e sportiva, il progetto "No drop no out" in Appennino

Laboratori, seminari e scambi di esperienze per focalizzarsi sull'importanza di non abbandonare pratiche fondamentali per lo sviluppo delle relazioni e per la salute fisica

No drop, no out” è un progetto promosso dalla Provincia di Modena e dall’Upi Emilia-Romagna, in collaborazione con Uisp, Csi, i comuni di Polinago e Pavullo nel Frignano e Pinco srl, nell’ambito di “Azione ProvincEgiovani”, il bando del Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei ministri, che quest’anno si pone un duplice obiettivo: contrastare la dispersione scolastica e l’abbandono sportivo e diffondere una maggiore consapevolezza ambientale ed etica da parte dei giovani.

Il drop out (abbandono) sportivo è, infatti, un fenomeno piuttosto frequente tra i giovani: circa il 20% dei ragazzi e il 40% delle ragazze interrompe prematuramente l’attività sportiva tradizionale, che pure rappresenta uno strumento importante per soddisfare molti loro bisogni, creando occasioni d’incontro, di confronto e, dunque, di crescita.

Obiettivo del progetto, che partirà il prossimo 31 agosto, è quello di riavvicinare questi giovani alla pratica sportiva, in particolare attraverso discipline alternative: dagli sport di strada come il parkour o la danza urbana agli sport de glisse, ovvero sport di scivolamento, che sia su acqua, su neve o su terra, spesso e volentieri con una tavola, alla giocoleria.

Il Progetto si articola in due fasi principali, la formazione e selezione di ambasciatori, under 25 dell’attività fisica alternativa contro l’abbandono sportivo che verranno formati sia online che in presenza sulle tecniche degli sport di strada e sulla regolamentazione anti-Covid19, mentre la seconda fase sarà la realizzazione di workshop, seminari specifici, laboratori, scambi di esperienze e, soprattutto, giornate di dimostrazione e prova degli sport di strada nei sette comuni partner.

Tra i risultati attesi vi è anzitutto l’aumento dei giovani partecipanti alle attività sportive, coinvolgendo quanti non sono attualmente intercettati dalle offerte sportive strutturate di società e gruppi, nonché una sensibilizzazione a corretti e sani stili di vita, contribuendo anche ad incentivare il ripopolamento dei contesti periferici ed isolati.

L’abbandono della pratica sportiva durante l’adolescenza aumenta le probabilità di trascorrere una vita sedentaria. Secondo i rapporti Unicef e Ue-Ocse in Europa un bambino su tre è in sovrappeso e gli ultimi dati Istat la quota dei bambini sedentari è del 48% nella fascia 3-5 anni e oltre 20% nei ragazzi tra i 18 e 20 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito della Provincia di Modena https://www.provincia.modena.it/temi-e-funzioni/istruzione-scuola/no-drop-no-out/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento