Progetto di riqualificazione, in viale Gramsci arrivano anche gli orti urbani

Oltre al completamento dell’area verde, interventi di animazione e per l’inclusione finanziati dalla Regione

"Il parchetto di viale Gramsci, inaugurato a maggio, che contiene una serie di strutture dedicate allo svago e al tempo libero, verrà completato con la realizzazione di diverse decine di orti urbani. In tal modo, la riqualificazione dell’area verde intende rispondere anche alle richieste di un diverso tipo di utenza, secondo le indicazioni emerse durante il percorso partecipato che ha portato all’ampliamento dell’area e alla realizzazione del parchetto, per altro già molto frequentato". Lo rende noto il Comune di Modena.

I lavori che saranno realizzati nel corso di quest’anno insieme a diversi interventi di animazione sociale ugualmente volti alla riqualificazione della zona e a migliorane la vivibilità, sono stati ammessi a finanziamento dalla Regione Emilia Romagna per complessivi 195mila euro.
Il progetto finanziato, “Un quartiere-una città: azioni integrate per la sicurezza urbana”, presentato dal Comune di Modena e curato dall’ufficio Politiche della Legalità e delle Sicurezza, prevede un piano di intervento per complessivi 250 mila euro e arriverà a compimento nella prima metà del 2020.

Nell’area ci sono già un campetto da calcio e un campo da basket attrezzati, due aree giochi e un’area cani. Il progetto prevede ora di realizzare anche 45 orti urbani destinati a diverse utenze, orti rialzati che potranno essere agevolmente coltivati da persone diversamente abili e un laboratorio didattico a terra ad uso di scolaresche e gruppi, oltre a un deposito per gli attrezzi e a una casetta in legno con i servizi. 

Entro la fine dell’anno saranno eseguiti i lavori di scavo, le opere d'irrigazione, gli allacciamenti, l’illuminazione degli orti e verrà predisposto il laboratorio didattico; il tutto per un importo complessivo di 150 mila euro. 

Inoltre, sempre per quanto riguarda il 2019, la Regione ha destinato i restanti 45mila euro ad azioni di accompagnamento e inclusione sociale. Sarà, in particolare, potenziata l'attività del portierato sociale itinerante che si sta sperimentando nell’area, estendendola anche verso la zona Sacca; saranno sviluppati ulteriori progetti di inclusione sociale e scolastica, la creazione di spazi per l'aggregazione informale dei giovani e sostenute le azioni di animazione, presidio sociale e cura del territorio promosse dalle numerose e diverse associazioni attive nella zona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento