rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità

All'Hesperia eseguita per la prima volta al mondo una prostatectomia radicale robotica in anestesia spinale

Un intervento innovativo nella struttura modenese, pensato per ridurre l'invasività e la somministrazione di anestetici

GHC: ALL’HESPERIA PRIMO INTERVENTO AL MONDO DI PROSTATECTOMIA RADICALE ROBOT-ASSISTITO IN PAZIENTE SVEGLIO IN ANESTESIA SPINALE TORACICA

Per la prima volta al mondo, presso Hesperia Hospital di Modena, struttura del Gruppo Garofalo Health Care, il team di specialisti urologi denominato CURE diretto dal Dr. Giovanni Ferrari ha eseguito una prostatectomia radicale robotica in anestesia spinale su paziente affetto da carcinoma prostatico, che aveva espresso la volontà di essere operato con la tecnica robotica mininvasiva. Dopo un’adeguata discussione clinica collegiale con lo staff degli anestesisti, diretto dalla Dott.ssa Laura Zavatti e dal Dott. Marco Meli, al paziente è stato proposto di sottoporsi all’intervento in anestesia spinale toracica, quindi senza anestesia generale, ma solo con sedazione leggera in respiro spontaneo.

È la prima volta al mondo che viene eseguito questo intervento - afferma il Dr. Giovanni Ferrari Direttore del reparto di Urologia di Hesperia Hospital - il cui obiettivo è duplice: eseguire un intervento robotico meno invasivo extraperitoneale e ridurre la somministrazione di oppioidi durante l’intervento, perché questi farmaci sono sotto indagine sia perché potrebbero essere responsabili di un peggioramento della prognosi nei pazienti oncologici, sia perché sono a rischio nei pazienti con patologie cardiovascolari e neurologiche. Percorrere nuove vie chirurgiche in profonda collaborazione col mio staff e con gli anestesisti è per me motivo di orgoglio ed è un riflesso della necessità di trovare nuove soluzioni soprattutto per quei pazienti fragili che sempre più spesso affollano le nostre liste d’attesa”.

In questo tipo di intervento l’anestesia spinale viene eseguita con un ago inserito in sede toracica a livello della nona vertebra nella quale viene lasciato un sottile catetere attraverso cui si inocula l’anestetico, che permette un’anestesia completa dell’addome e della pelvi. All’anestesia viene poi associata una sedazione, sempre per via spinale, che consente al paziente di riposare tranquillamente tollerando la posizione chirurgica e la necessaria immobilità. Con questa innovativa tecnica anestesiologica e grazie ad alcuni accorgimenti chirurgici (come l’accesso robotico extraperitoneale, evitando quindi le possibili complicanze sull’intestino) si può operare il paziente in condizioni più agevoli, ideali per favorire respiro spontaneo. Durante l’intervento robotico l’anestesista può dialogare col paziente e modulare l’anestesia spinale e sedativa in modo da somministrare il meno possibile farmaci che potrebbero essere dannosi. Al termine dell’intervento, il paziente sveglio viene rapidamente spostato dalla sala operatoria direttamente in reparto, senza necessità di permanenza in rianimazione o in sala di osservazione. Il tipo di anestesia riduce ulteriormente il dolore post-operatorio, senza necessità di somministrazione di farmaci antidolorifici maggiori, e consente una precoce mobilizzazione del paziente già a distanza di poche ore.

Grazie a questo tipo di intervento si potranno operare anche pazienti che fino ad oggi erano controindicati in quanto affetti da glaucoma o con insufficienza respiratoria o con vasculopatie severe.

L’idea di abbinare l’intervento extraperitoneale con l’anestesia spinale prolungata nasce dalla lunga esperienza del Dr. Giovanni Ferrari nella chirurgia prostatica per cancro, iniziata nel 1987 con l’esperienza a cielo aperto, poi proseguita in laparoscopia dal 2001, durante la quale ha affinato la tecnica extraperitoneale, per poi approdare alla chirurgia robotica nel 2015, che tradizionalmente si faceva in anestesia generale, con inclinazione della testa, e per via transperitoneale.

Di questo innovativo intervento e delle nuove tecniche di umanizzazione delle cure attraverso l’uso delle più moderne tecnologie, si parlerà al 15° Congresso Nazionale UrOP (Urologi Ospedalità Privata) organizzato dal Dr. Ferrari, che si terrà per la prima volta a Modena dall’11 al 13 novembre presso il Forum Guido Monzani, con la partecipazione di illustri professionisti, figure di spicco anche in ambito pubblico, provenienti da tutta Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'Hesperia eseguita per la prima volta al mondo una prostatectomia radicale robotica in anestesia spinale

ModenaToday è in caricamento