rotate-mobile
Attualità

Sanità. Nasce in Emilia-Romagna il Registro regionale Tumori

Servirà a raccogliere, in modo uniforme sul territorio e nel pieno rispetto della privacy, tutti i dati relativi alla diffusione di questa patologia tra i residenti. Venturi: "Uno strumento importantissimo per la ricerca scientifica"

Uno strumento in più per lo studio e la ricerca scientifica contro il cancro in Emilia-Romagna.  Per studiare ancora più approfonditamente, tra i residenti in regione, l’andamento temporale e la distribuzione dei casii fattori di rischiogli esiti degli interventi di diagnosi precoce, delle terapie e dei percorsi diagnostico-terapeutici. Ma anche per migliorare la programmazione e la valutazione delle attività di prevenzione, l'appropriatezza e la qualità dei servizi. Il tutto attraverso un sistema di raccolta dei dati anagrafici e sanitari dei pazienti, naturalmente nel pieno rispetto della privacy.

Nasce il Registro regionale Tumori - previsto dalla legge regionale n.9 del 2017 - di cui oggi, in Assemblea legislativa, è stato approvato il Regolamento di funzionamento proposto dalla Giunta.

Ad alimentarlo saranno i dati raccolti a livello provinciale dai Registri già presenti in Emilia-Romagna, compreso quello dell’area bolognese che diventa operativo; coordinato dall’Irst di Meldola, renderà disponibile una mole preziosa di informazioni che saranno appunto utilizzate per finalità di ricerca scientifica, programmazione e controllo dell’assistenza.
Non solo, perché potrà collaborare con Istituti di ricerca ed essere collegato, in futuro, al Registro Tumori nazionale. Il Regolamento approvato oggi, infatti, è stato redatto sulla base dello schema tipo messo a punto da uno specifico Gruppo di lavoro interregionale e successivamente approvato dal Garante della privacy e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. L’obiettivo perseguito a livello nazionale era quello di rendere uniformi i diversi Registri Tumori locali, fissando tramite specifici regolamenti finalità, contenuti, fonti dei dati, loro diffusione e utilizzo, con un dettagliato disciplinare tecnico da seguire per il rispetto della riservatezza e della privacy dei pazienti.

“Parliamo di uno strumento importantissimo per la ricerca scientifica e gli studi epidemiologici- spiega l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi- che consentirà di avere su tutto il territorio regionale identici strumenti di analisi e controllo del tumore. Attraverso questo Registro riusciremo a raccogliere sistematicamente dati preziosi sui fattori di rischio, gli esiti degli interventi di diagnosi precoce e delle terapie tra i malati residenti in Emilia-Romagna, ma anche a monitorare l'appropriatezza e la qualità dei percorsi terapeutici, naturalmente nel pieno rispetto della privacy dei pazienti. Assieme alle altre Regioni- aggiunge Venturi- abbiamo concordato precisi criteri per rendere uniformi a livello nazionale i diversi Registri tumori locali, quindi l’Emilia-Romagna è pronta ad essere collegata ad un eventuale Registro Tumori nazionale. Un altro, importante tassello che la nostra Regione aggiunge nella lotta contro il cancro”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità. Nasce in Emilia-Romagna il Registro regionale Tumori

ModenaToday è in caricamento