Si torna a Messa, ma a "numero chiuso". Accordo per riaprire il 18 maggio

Governo e Cei hanno trovato l'intesa. Molte regole per il distanziamento e la sicurezza, con la facoltà dei parroci di stabilire il limite di capienza o celebrare all'aperto

Le Sante Messe riprenderanno da lunedì 18 maggio. Ieri è stato firmato a Palazzo Chigi un protocollo che permetterà a partire da quella data la ripresa delle celebrazioni con il popolo, firmato dal presidente della Cei (Conferenza episcopale italiana), il cardinale Gualtiero Bassetti, dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

Le misure di sicurezza indicate nel protocollo prevedono tra l'altro il numero chiuso (con possibilità di aumentare le celebrazioni), le mascherine obbligatorie, il rispetto della distanza di un metro tra i fedeli, la distribuzione della comunione con guanti monouso e senza toccare le mani del fedele, l'igienizzazione costante degli ambienti (dopo ogni celebrazione) e degli oggetti (dai leggii ai microfoni) e il divieto di ingresso in chiesa a chi ha una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi o a chi è stato in contatto con positivi al Covid-19.

Saranno i parroci a stabilire, per ogni chiesa, il numero massimo di persone che possono essere accolte. Le entrate e le uscite, per quanto possibile, saranno separate e le porte resteranno aperte per evitare, tra l'altro, che le persone tocchino le maniglie. All'ingresso i fedeli troveranno vuote le acquasantiere, pieni i dispenser di liquido disinfettante. Le offerte dovranno essere raccolte attraverso contenitori "fissi" all'interno della chiesa e non con il tradizionale giro tra i banchi. Aboliti il segno della pace e il coro, mentre è ammesso un organista.

Regole di sicurezza anche per le confessioni, da tenersi in luoghi ampi e areati pur con il rispetto della riservatezza richiesta dal sacramento stesso, con mascherine per il sacerdote e il fedele. Infine le cresime vengono rinviate a data da destinarsi, mentre si possono celebrare matrimoni e battesimi. Sarà poi possibile celebrare messa all'aperto nel caso in cui la chiesa non sia idonea a soddisfare tutti i criteri di sicurezza previsti dal protocollo. Continueranno in ogni caso ad essere trasmesse le celebrazioni in streaming, anche per favorire il rispetto del divieto di assembramento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(fonte Today.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento