rotate-mobile
Attualità Fiorano Modenese

Ricercatori dall'Università di Bari per studiare le salse di Nirano

Nuovi studi per conoscere una delle meraviglie del nostro territorio, anche per capire come consrvare meglio i "vulcani"

Il 17 febbraio 2022 il Comune di Fiorano Modenese ha siglato un accordo di ricerca sulla caratterizzazione geofisica del sistema di alimentazione delle Salse di Nirano con il Dipartimento di Scienze della terra e geo-ambientali dell’Università degli studi di Bari. Tra i compiti del Comune, in stretta collaborazione con l’Ente Parchi Emilia Centrale, vi è infatti tutelare la vegetazione e gli habitat specifici del territorio, così come lo è la promozione delle attività di studio che rappresentano obiettivi strategici per la comunità.

Anche a questo proposito esiste il "Piano Triennale di Tutela e Valorizzazione della Riserva naturale di Salse di Nirano 2020-2022", all’interno del quale si incardina l’accordo con l’accademia pugliese che ha sviluppato competenze scientifiche di livello internazionale nell’ambito della prospezione geofisica e dell’indagine del sottosuolo.

La caratterizzazione geofisica del sistema che alimenta le Salse di Nirano è di prioritaria importanza per la comprensione e modellazione del fenomeno geofisico che le caratterizza, anche allo scopo di fornire utili indicazioni per la migliore gestione e conservazione possibile di una risorsa che rappresenta un unicum nel panorama dei vulcani di fango, tra i meglio conservati in Europa. Il patrimonio naturalistico e ambientale delle Salse è la realtà geologica più importante tra i vulcani di fango dell’Emilia Romagna: perciò il Comune è da tempo impegnato a mantenere i rapporti col mondo accademico. Già in passato infatti, studiosi di diverse università si sono interessati e hanno esaminato la Riserva fioranese. Inoltre si ritiene particolarmente utile investire in ricerca e conoscenza, così fornire agli Amministratori indicazioni per una corretta gestione e conservazione sia dell’area che e delle specie ad essa associate.

In ultimo è doveroso ricordare come annualmente le Salse di Nirano siano visitate da circa 70 mila persone, rappresentando un esempio di valorizzazione ambientale e turistica non trascurabile. La speranza è che collaborazioni di questo tipo possano proseguire a lungo, così da permettere una sempre maggiore e fruttuosa consapevolezza di una delle meraviglie del nostro territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricercatori dall'Università di Bari per studiare le salse di Nirano

ModenaToday è in caricamento