Rifiuti ingombranti, con il progetto Hera recuperati oltre 210.000 oggetti

Circa 154  tonnellate di ingombranti avviati al riuso solo nel 2019 a Modena. Ogni anno recuperato oltre il 70% dei materiali raccolto nell’ambito dell’iniziativa, realizzata da Hera in collaborazione con Last Minute Market e 18 enti no profit partner del progetto

Sono più di 210.000, per la precisione 217.923, i beni ritirati, nell’arco del 2019, grazie a ‘Cambia il finale’. Il progetto, realizzato da Hera in collaborazione con Last Minute Market e enti no profit del territorio, si propone di alimentare un circuito virtuoso capace di dare un’opportunità di recupero a numerosi oggetti usati, ma ancora in buono stato. Il progetto, pensato inizialmente per dare nuova vita ai cosiddetti ‘ingombranti’ (arredi e grandi elettrodomestici), da tempo consente di avviare al riutilizzo anche oggetti di piccole dimensioni non più usati dai proprietari. 

Attualmente attiva in 74 comuni emiliano-romagnoli, l’iniziativa, dal suo esordio (2014), ha permesso di dare nuova vita a oltre 3.100 tonnellate di materiali, recuperando mediamente il 70% degli oggetti raccolti ogni anno e sottraendoli allo smaltimento, grazie alla collaborazione di 18 enti locali, cinque dei quali operano nel Modenese. Dati significativi, che corrispondono a un’intensa attività svolta dagli enti partner, i quali, nell’arco del 2019, hanno raccolto oltre 850 tonnellate di beni ancora riutilizzabili, avviandone al riuso più di 630 tonnellate. Tutto questo in un’ottica costante di sostenibilità ambientale, in linea con i principi di economia circolare e responsabilità sociale propri del Gruppo Hera.

Nel Modenese avviato al recupero oltre il 75% del materiale raccolto

Nella provincia di Modena, ‘Cambia il finale’ ha permesso di raccogliere, solo nel 2019, quasi 43.000 tra mobili, elettrodomestici e altri oggetti, pari a oltre 205 tonnellate di materiale, di cui oltre 154 tonnellate avviate al riuso, con un aumento dei ritiri: 1.089 contro i 965 dell’anno precedente.  I cinque enti partner sul territorio modenese sono: l’Associazione Porta Aperta, l’Auser di Campogalliano-Modena e di Pievepelago, l’Associazione Insieme in Quartiere per la città – progetto Tric e Trac e l’onlus Libellula, cooperativa sociale con sede a Modena.

Come funziona ‘Cambia il finale’

Telefonando al Servizio Clienti Hera 800.999.500 (numero gratuito da rete fissa e mobile, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18) è possibile fissare un appuntamento per il ritiro gratuito a domicilio degli ingombranti. Gli operatori del Servizio Clienti si assicurano di chiedere al cittadino informazioni relative allo stato dei beni ingombranti di cui vuole liberarsi. Se gli oggetti sono ancora in buone condizioni, il cliente riceve i riferimenti per contattare gli enti no profit del suo territorio che partecipano a ‘Cambia il finale’ e che sono disponibili a ritirarli per avviarli poi a riutilizzo. 

Si ricorda che è possibile donare agli enti anche oggetti meno voluminosi, come indumenti, soprammobili, libri, giocattoli, elettrodomestici di piccole dimensioni ancora funzionanti.  Nel caso in cui il materiale da ritirare non sia più riutilizzabile, il Servizio Clienti di Hera fornisce indicazioni per la consegna alla stazione ecologica più vicina; oppure, nei comuni dove è attivo il servizio di ritiro gratuito a domicilio dei rifiuti ingombranti, fissa un appuntamento con il cliente. In questo caso, una volta ritirati, gli oggetti vengono inviati a corretto smaltimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le associazioni di ‘Cambia il finale’ che operano nel territorio di Modena:

  • Associazione Porta Aperta: via Strada Cimitero San Cataldo, 119 – 41123 Modena; tel. 059-3367180.
  • Auser di Campogalliano: via Grieco – 41011 Campogalliano (MO); tel. 059-525946.
  • Auser di Pievepelago: via degli Impianti Sportivi – 41127 Pievepelago (MO); tel. 3488078537.
  • Associazione Insieme in Quartiere x la città – Progetto Tric e Trac: via Nobili, 380 – 41126 Modena; tel. 3388206208. 
  • Libellula Cooperativa Sociale Onlus: via dei Ceramisti, 13 – 41122 Modena; tel. 059-282774.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento