rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità

Covid, raggiunto un picco di 270 ricoveri nei due ospedali modenesi

Mai così tanti pazienti assistiti tra Policlinico e Baggiovara. Ma i numeri assoluti nascondono in realtà profonde differenze con lo scorso anno

Questa settimana è stato raggiunto il picco di ricoveri di pazienti positivi presso l’Azienda Ospedaliera sinora in questa quarta ondata, pari a 270 nella giornata di mercoledì 2 febbraio, con volumi di ricoverati presenti stabilmente sopra i 240. Ad oggi nei due ospedali modenesi  sono presenti in Azienda 253 pazienti con riscontro di tampone positivo, di cui: 223 ricoverati in degenza ordinaria (137 al Policlinico, 86 a Baggiovara), 7 in terapia semintensiva (tutti al Policlinico) e 23 in terapia intensiva (13 al Policlinico, 10 a Baggiovara). 

Un anno fa, 4 febbraio 2021, i ricoverati erano 184 totali, dei quali 138 in ordinaria e 46 tra intensiva e semi intensiva. Un aumento complessivo del 28%, che però va ripartito tra una crescita del 39% nei repari ordinari e un calo del 35% nelle Terapia Intensive/subintensive.

Dal punto di vista epidemiologico, tuttavia, il dato va contestualizzato tenendo presente che il circa 65% dei pazienti è ricoverato per le conseguenze del Covid-19, mentre il restante 35% per altre patologie, con riscontro occasionale di tampone positivo. La percentuale è decisamente diversa in Terapia intensiva dove ad oggi l’85% dei pazienti è ricoverato per complicanze cliniche da malattia COVID-19.

Quindi, se si considerano solo i pazienti ricoverati per le conseguenze del Covid-19, nonostante il volume complessivo di pazienti ospedalizzati con tampone positivo sia più alto rispetto allo scorso anno, quello dei ricoverati per causa COVID è invece inferiore, grazie soprattutto all’effetto protettivo garantito dalla vaccinazione.

Questo a fronte di un numero di persone positive in provincia molto più elevato di quello che si riscontrava nel 2021: analizzando il medesimo periodo, lo scorso anno il picco di positivi in isolamento domiciliare si era attestato a circa 8.700 persone, mentre quest’anno si è arrivati a più di 31.600 persone in provincia contemporaneamente in isolamento domiciliare in una giornata. 

Nei grafici vengono rappresentate a confronto la 3° ondata e quella corrente con i volumi di ricoveri in Azienda Ospedaliero Universitaria e i positivi in isolamento domiciliare.

L’età media dei ricoverati per Covid-19 è 71 anni, più alta nel gruppo di pazienti con vaccinazione (64 anni contro 78 dei pazienti vaccinati). Se complessivamente circa la metà dei pazienti ricoverati con tampone positivo è vaccinata, in Terapia Intensiva e sub intensiva si passa invece ad un 70% dei pazienti che non ha effettuato il ciclo vaccinale. Anche in area critica, sono mediamente più anziani i pochi pazienti vaccinati (77 anni contro 72). 

A fronte dell’andamento in calo dei contagi in provincia, iniziato da ormai circa una settimana, è prevedibile che si abbia, già a partire da lunedì prossimo, la possibilità di riprendere l’attività chirurgica programmata ed è in corso di predisposizione un piano di recupero dell’attività chirurgica nel periodo successivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, raggiunto un picco di 270 ricoveri nei due ospedali modenesi

ModenaToday è in caricamento