menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità regionale, circa 1.200 rimborsi ogni anno per i sinistri sanitari

Nell'ultimo triennio ammontano a ben 25 i milioni spesi per rimborsare i pazienti, ma soltanto il 4% dei casi è stato di grave entità. Il 66% dei rimborsi liquidato entro tre anni

Sono in media oltre 1.200 all'anno (tre al giorno) i casi di 'malasanità' in Emilia-Romagna. O meglio, i cosiddetti sinistri che vengono poi rimborsati dalle aziende sanitarie e dalla Regione ai pazienti danneggiati. Nell'ultimo triennio sono stati 1.237 nel 2017, 1.283 nel 2018 e 1.212 nel 2019, con un'indice di incidentalità di 17 casi ogni 10.000 pazienti dimessi, a fronte di oltre mezzo milione di ricoveri. 

I dati sono stati presentati questa mattina in commissione Sanità della Regione. La cifra liquidata per i rimborsi ai cittadini nello scorso triennio è pari a 25 milioni di euro e oltre il 50% dei casi viene liquidato entro due anni dal sinistro: il 35% nell'anno in corso e il 22% l'anno precedente. 

Nella maggior parte dei casi sono i diretti interessati a far partire le richieste, molto più raro che siano gli eredi o i parenti. Nel 45% di tutte le richieste accese, però, l'istanza viene bocciata perchè non sussistono i termini. Il 66% dei casi viene gestito entro tre anni dalla richiesta danni e solo il 4% dei casi è così grave e complesso da arrivare al nucleo di valutazione regionale. Quasi sempre il cittadino accetta quanto proposto in fase di transazione e questo "testimonia che non si tratta di casi gravi", affermano i tecnici della Regione. 

Resta da vedere che impatto avrà il covid sulle politiche assicurative della Regione e sarà necessario varare un nuovo sistema. "La relazione illustrata ci permette di vedere tassi di sinistrosità molto elevati in alcuni settori- segnala il leghista Daniele Marchetti- come quello dell'Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, dove c'è una media di sinistrosità molto più alta rispetto a quella regionale. Bisogna essere molto attenti e guardare bene i dati, perchè parliamo di salute delle persone".

(DIRE)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento