Attualità

Ex Corni, l'impresa annuncia la partenza del cantiere per lo studentato

Due anni di lavori per realizzare il primo stralcio di rigenerazione dell'area tra via Fanti e via delle Suore. Prosciugato il lago creatosi nei mesi scorsi

Dopo alcuni mesi di stallo, la società Supernova annuncia l'avvio del cantiere della prima fase di rigenerazione dell'area ex Fonderia Corni, che come noto vedrà sorgere residenze collettive temporanee, una prima parte del parco pubblico con aree attrezzate per lo sport di circa 5.300 mq, negozi e parcheggi. Il via libera all'intervento era stato dato nel mese di marzo, ma di fatto, dopo i lavori di pulizia e i primi scavi, i lavori si erano interrotti. Nell'area era sorto anche un bacino d'acqua, probabilmente per la risalita della falda, che oggi è prosciugato.

I lavori di costruzione porteranno alla realizzazione delle residenze temporanee strutturate in due volumi principali, rispettivamente di sei e sette piani, con 366 posti letto (in parte a prezzi convenzionati) destinati a studenti e young professional e 34 camere per soggiorni brevi. La nuova struttura, che sarà gestita da CX - CampusX -, avrà una superfice costruita di circa di 10.000 mq e sorgerà a pochi minuti dalla stazione ferroviaria e a soli 2 km dall’Università di Modena. L’immobile sarà dotato di aule studio, cucina comune, sala cinema, area relax, lavanderia, play zone, lounge e meeting area, oltre a un panoramico rooftop e spazi verdi. Esternamente sono previsti parcheggi pubblici e privati, un deposito di biciclette e colonnine per la ricarica delle bici elettriche.

"Siamo soddisfatti di dare il via ai lavori di costruzione delle residenze temporanee collettive che, assieme al parco pubblico con spazi attrezzati per lo sport che realizzeremo per la città, porteranno alla creazione di un nuovo luogo con spazi di qualità destinati a cambiare il volto dell'area ex Fonderia Corni e a far vivere meglio i modenesi", commenta Paolo Signoretti, AD Supernova

Anna Maria Vandelli, Assessora Urbanistica ha aggiunto: "Verrà presto restituita alla città un’area rimasta inutilizzata per oltre dieci anni, il comparto sarà rigenerato e dotato di ampie dotazioni pubbliche e di verde, contribuendo a cambiare volto all’area nord di Modena. La realizzazione di residenze temporanee risponde a una domanda abitativa di studenti fuori sede e di lavoratori, rientra nelle priorità indicate nello sviluppo di Modena Città Universitaria, il processo delineato nell’accordo siglato da Comune e Unimore e inserito dall’Amministrazione nel Pug e nel Pums con anche l’obiettivo di attrarre giovani che vogliono costruirsi un percorso di studio, di lavoro e di vita nella nostra città"

La seconda fase, con la quale verrà ultimata la rigenerazione dell’area, include il completamento del parco pubblico alberato e attrezzato per lo sport, restituendo ai modenesi un polmone verde di 14.000 mq, e la creazione di una nuova rotatoria tra via delle Suore e Via Fanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Corni, l'impresa annuncia la partenza del cantiere per lo studentato
ModenaToday è in caricamento