menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Santi, parte la riqualificazione energetica negli uffici comunali

Da lunedì 1 marzo lavori nella sede comunale di via Santi 40; si procederà un piano per volta per consentire comunque le attività. Obiettivo: ridurre i consumi di oltre il 20 per cento

A partire da lunedì 1 marzo, il Direzionale Cialdini 2 in via Santi 40 sarà oggetto di un significativo intervento di riqualificazione energetica, con la sostituzione di tutti gli infissi dei nove piani dell’edificio con nuovi a più alto rendimento energetico, che incrementeranno il benessere negli uffici e negli altri spazi, inclusi quelli dell’anagrafe.

L’intervento, che prevede anche l’isolamento termico della copertura del piano primo (nell’area in cui coincide con la terrazza al secondo piano) e del solaio del piano interrato, con beneficio per gli spazi pubblici dell’anagrafe presenti al piano terra, verrà realizzato dal Gruppo Hera, attraverso la controllata AcegasApsAmga Servizi Energetici (Ase). Nell’ambito dei lavori è inoltre prevista la chiusura con elementi a vetrate del portico di accesso all'anagrafe.

Obiettivo dell’intervento è migliorare la performance energetica della struttura, arrivando a ottenere un risparmio pari a oltre il 20 per cento dei consumi attuali (riduzione di circa 7 mila standard metro cubo di metano) che, in termini di minori emissioni in atmosfera, possono essere tradotti in un risparmio annuo di circa 13 tonnellate di Co2.

I lavori procederanno per piani, a partire dal nono a scendere, e dureranno circa due settimane per ogni piano, periodo durante il quale il personale comunale lavorerà in smart working o verrà spostato in altri uffici a seconda delle esigenze. Le attività, quindi, non verranno sospese ma potrebbero esserci dei disagi.

L’intervento sul Direzionale Cialdini 2 si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione del patrimonio pubblico del Comune di Modena, del valore di circa 9 milioni di euro, il cui obiettivo principale è quello di migliorare l’efficienza energetica degli edifici comunali rinnovando gli impianti e riducendo i consumi di energia, con una ricaduta positiva sull’ambiente e minori costi. Sono infatti in corso di progettazione lavori volti a migliorare le performance energetiche nelle scuole primarie Pisano, don Milani e Galilei e nella scuola media Calvino (dove i lavori riguarderanno anche la palestra), oltre che in Municipio. La riqualificazione del Palazzo comunale, in particolare, porterà anche a una valorizzazione del sito Unesco, di cui il Palazzo fa parte, e a un incremento dell’attrattività turistica.

L’operazione è possibile grazie alla sinergia di risorse finanziarie che unisce fondi europei (dall’asse 4 del Por Fesr per lo sviluppo sostenibile del sistema energetico regionale) e contributi assegnati per il sisma e del conto termico, all’estensione del contratto per il servizio energia degli edifici comunali attualmente in essere con Ase.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento