Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità

Sanità. “Tieni in forma il tuo cuore”, cliniche mobili nelle piazze e campagne informative sulle buone pratiche

Un mese dedicato al rischio cardiovascolare. L’assessore Donini: “La prevenzione non solo combatte le malattie ma migliora la qualità della vita e garantisce la sostenibilità del sistema sanitario”

Agli appuntamenti nelle piazze la Regione aggiunge anche una campagna informativa, che sarà declinata sia digitalmente che in opuscoli a disposizione del pubblico oltre che nelle sedi dell’iniziativa anche nei luoghi di cura, a partire dalle Case della salute, con alcune semplici regole per ridurre i rischi cardiovascolari.

Prima di tutto, è importante effettuare semplici controlli a cadenza regolare su pressione arteriosa, valore di glicemia, colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo “cattivo”) o un peso corporeo superiore a quello previsto in base a età a statura.

C’è poi il tema delle abitudini e dei comportamenti: oltre a evitare il fumo, sono importanti una dieta sana e uno stile di vita non sedentario. Per quanto riguarda l’alimentazione, i consigli della sanità regionale vanno dalla riduzione dell’uso del sale alla predilezione per pesce e carni bianche, passando per l’uso dell’olio extravergine e la moderazione del consumo di alcolici. Dal punto di vista del movimento, si va dall’esercizio fisico per 30 minuti almeno al giorno alle buone pratiche come preferire le scale all’ascensore o la bici all’auto per i piccoli spostamenti.

I dati sul fenomeno

Nel 2019 sono stati registrati in Emilia-Romagna più di 250.000 soggetti possessori di esenzione ticket per ipertensione arteriosa ma la patologia è molto più diffusa arrivando a colpire fino un terzo della popolazione; inoltre, più di 65.000 sono i portatori di cardiopatia ischemica e circa 20.000 i pazienti con scompenso cardiaco.  Il 2% della popolazione poi soffre di fibrillazione atriale asintomatica, una turba del ritmo cardiaco spesso non diagnosticata.

In Italia la prevalenza di cittadini affetti da invalidità cardiovascolare è pari al 4,4 per mille (dati Istat). Il 23,5% della spesa farmaceutica italiana (pari all'1,34 del prodotto interno lordo), è destinata a farmaci per il sistema cardiovascolare (Relazione sullo stato di salute del Paese, 2000). In Italia, i costi diretti sanitari per le malattie cardiovascolari sono stati stimati pari a circa 16 miliardi di euro a cui si devono aggiungere oltre 5 miliardi sostenuti in termini di costi indiretti. A tutto questo si devono aggiungere i giorni di lavoro (e di produttività) persi dopo l'evento cardiovascolare: è stimato che mediamente nell'anno successivo ad un evento cardiaco acuto i pazienti cardiopatici perdono 59 giorni di lavoro per un costo stimato dall'Inps di circa 755 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità. “Tieni in forma il tuo cuore”, cliniche mobili nelle piazze e campagne informative sulle buone pratiche

ModenaToday è in caricamento