rotate-mobile
Attualità Sassuolo

Camini e stufe accesi, il Comune di Sassuolo respinge il piano regionale

L'Amministrazione sassolese vara un'ordinanza che annulla lo stop imposto dal Pair nell'ambito delle misure antinquinamento invernali. Menani: "Divieto sarebb illogico ed antieconomico"

A Sassuolo sarà possibile riscaldarsi utilizzando camini e impianti di riscaldamento a biomassa, in deroga a quanto disposto dall’ordinanza n°98/2022 che recepiva la manovra regionale anti inquinamento. Sassuolo rientrerebbe infatti nei comuni per il quale il Piano regionale "liberiamo l'aria" prevederebbe limitazioni. Iin teoria dal primo ottobre al 30 aprile prossimo per i comuni di pianura sarebbe previsto stop all'utilizzo per il riscaldamento domestico di camini aperti, caminetti e stufe di legna o pellet di classe fino a 2 stelle comprese che diventa di 3 stelle in caso di misure emergenziali. 

Ma l?Amministrazione sassolese non ci sta: "Il periodo che stiamo attraversando – commenta il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – è particolarmente difficile per le famiglie che già si sono trovate a fare i conti con bollette energetiche quadruplicate rispetto al passato e ancor di più lo saranno non appena le temperature scenderanno ulteriormente. Viviamo in una zona pedemontana in cui tante famiglie possono approvvigionarsi gratuitamente, o spendendo poco, di legna da ardere nel camino: vietare loro l’utilizzo di questa fonte di riscaldamento solamente perché siamo sotto la soglia dei 300 metri sul livello del mare, soprattutto in considerazione del piano nazionale varato dal Ministero della Transizione Ecologica che punta a diminuire i consumi di gas, è illogico ed antieconomico”.

Il Sindaco ha quindi modificato l’Ordinanza n°98/2022 confermando tutti i punti e le restrizioni presenti ma eliminando le misure restrittive legati agli impianti di riscaldamento.

Piano antismog attivo dal 1 ottobre, tutte le regole da conoscere

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camini e stufe accesi, il Comune di Sassuolo respinge il piano regionale

ModenaToday è in caricamento