Martedì, 15 Giugno 2021
Attualità Via Tazio Nuvolari

Ondulati Maranello, oggi il primo sciopero contro la delocalizzazione

Scatta la mobilitazione dopo la decisione dell'azienda di trasferirsi nel mantovano, che costerà il posto ad un centinaio di lavoratori

I lavoratori dell’Ondulati Maranello sono oggi in sciopero per tutta la giornata contro la rottura mercoledì 19 maggio del tavolo in regione Emilia Romagna per la salvaguardia occupazionale. Nelle assemblee di ieri è stato proclamato un pacchetto di 40 ore di sciopero, di cui le prime 8 ore sono quelle odierne, le restanti da effettuarsi nei prossimi giorni su indicazione delle Rsu. Oggi si è svolto anche il presidio davanti ai cancelli con conferenza stampa, dove hanno portato la loro solidarietà ai lavoratori il sindaco di Maranello Luigi Zironi e il consigliere regionale Luca Sabattini e alcune Rsu delle aziende del territorio.

Al tavolo istituzionale del 19 maggio la proprietà di Ondulati Maranello, nonostante tutte le disponibilità messe in campo da Regione Emilia Romagna e Comune di Maranello per agevolare la costruzione del nuovo capannone a Maranello, ha reso evidente di non voler continuare l’attività produttiva nel comune modenese, delocalizzando a Mantova la produzione e lasciando così sulla strada un centinaio di lavoratori, gettando nello sconforto le relative famiglie.

"Dopo aver fatto l’affare della vita vendendo a peso d’oro il capannone a Ferrari Auto, la proprietà di Ondulati Maranello il 19 maggio ha accampato l’ennesima scusa per non acquistare il terreno a Maranello dove costruire un nuovo capannone e assicurare la continuità lavorativa - commentan in una nota la Rsu, la Slc/Cgil Modena-Sassuolo e la Cgil Modena - La posizione della proprietà, nella persona di Bruno Zago, è inqualificabile, degna di un vero e proprio “padrone delle Ferriere”, perché in questi mesi ogni qualvolta si risolveva un problema - dalle servitù sul terreno alle autorizzazioni, ai tempi di trasloco per mettere a disposizione di Ferrari Auto il capannone - la proprietà strumentalmente trovava nuove scuse, da ultimo il prezzo del terreno. Se Zago voleva fare una trattativa seria sul terreno non doveva offrire il 50% del valore di mercato per l’acquisto del nuovo terreno".

I lavoratori hanno ribadito stamattina il no alla chiusura dello stabilimento di Maranello e alla delocalizzazione in un territorio lontano dal comune che non sarebbe altro che una scelta per mascherare dei licenziamenti.

La Slc/Cgil, insieme alla Cgil di Modena, alle Rsu e ai lavoratori di Ondulati Maranello, chiedono la riapertura del tavolo negoziale, anche con l’intervento del Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), per trovare una soluzione che possa permettere la continuità produttiva sul territorio di Maranello. Il sindacato non può accettare che a Modena si facciano mere speculazioni finanziarie sulla pelle dei lavoratori e chiede a tutti i soggetti coinvolti – a cominciare da Confindustria che rappresenta l’impresa - di adoperarsi per la soluzione positiva della vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ondulati Maranello, oggi il primo sciopero contro la delocalizzazione

ModenaToday è in caricamento