Annunciati esuberi fra i poligrafici, sciopero alla Gazzetta di Modena

Il giornale non sarà in edicola oggi, domenica 17, come segno di solidarietà ai lavoratori interessati da ben 121 esuberi all'interno del gruppo Gedi News Network

Dopo la protesta de Il Resto del Carlino nei giorni scorsi, anche l'altro quotidiano locale si mobilita di fronte alla riorganizzazione voluta dal proprio gruppo editoriale, Gedi Gruppo Editoriale Spa, in particolare attraverso la controllata Gedi News Network. E' delle scorse ore, infatti, la notizia che la società ha varato un piano di riorganizzazione che prevede ben 121 esuberi tra i poligrafici.

Un piano che tocca direttamente anche Modena, come spiega l’assemblea della Gazzetta di Modena: "Per il nostro giornale il piano prevede la perdita del front office e la chiusura del presidio poligrafico con un esubero di 3 persone su altrettanti posti a partire già da gennaio. Esprimiamo forte preoccupazione ritenendo che si sia deciso di far pagare la crisi del settore ai lavoratori e alle famiglie. Un grave impoverimento con forti ripercussioni del lavoro e della qualità del prodotto giornalistico". 

Da qui la protesta decisa dal Comitato di Redazione, in accordo con i colleghi giornalisti di altre testate del gruppo: "Alla luce di questo scenario occupazionale, e preso atto dello sciopero nazionale del Gruppo proclamato per il settore poligrafico nella giornata di sabato 16 novembre, l’assemblea dei redattori della Gazzetta di Modena partecipa convintamente a tale sciopero - spiega una nota - Pertanto domani la vostra Gazzetta non sarà in edicola e vengono sospese per l’intera giornata di sabato e  fino alle 7 di domenica tutti gli aggiornamenti internet. Nella giornata di domenica 17 novembre il giornale non sarà in edicola".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutta la città è vicina ai giornalisti e ai lavoratori della Gazzetta di Modena che oggi non è in edicola per protestare contro i tagli al personale previsti dall'editore", ha affermato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli esprimendo solidarietà ai giornalisti e ai poligrafici. "Ci auguriamo che la trattativa che si è aperta - spiega Muzzarelli - possa far rientrare il piano di licenziamenti dei poligrafici deciso dall'editore e che a Modena comporterebbe la perdita di tre posti di lavoro preziosi per il giornale. Sono tagli che mettono al rischio la qualità dell'informazione locale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le chiusure

  • Test agli operatori sanitari, si parte la settimana prossima con i prelievi

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

Torna su
ModenaToday è in caricamento