menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero alla Fiorani Spa dopo i "no" dell'azienda sulla contrattazione

Sciopero alla Fiorani spa di Castelvetro di Modena, azienda del Gruppo Inalca. L'azienda ha rifiutato le richieste sindacali

Scendono ancora una volta in piazza per sciopero i lavoratori della Fiorani spa di Castelvetro di Modena, azienda del Gruppo Inalca specializzata nella lavorazione di carni suine,  dopo che la direzione aziendale, nell’incontro tenutosi ieri mattina, ha fatto l’elenco dei no alle richieste sindacali.

I lavoratori hanno così scioperato sia ieri che oggi e decideranno di giorno in giorno come continuare la lotta.

Nello stabilimento di Castelvetro di Modena, con circa 50 addetti, l’attività produttiva è infatti continuata ininterrottamente fin dall’inizio dell’emergenza Covid, ma i problemi si sono accumulati nel tempo a partire dalla movimentazione manuale dei carichi, dalla velocità delle linee di lavorazione, dalle modalità di gestione del personale e dagli inquadramenti professionali. Inoltre inizia a crescere il problema salariale, aggravato dalla posizione intransigente del Gruppo Inalca di non aderire al recente rinnovo del contratto nazionale dell’industria alimentare.

“Sembra che il gruppo Inalca stia facendo le prove generali sul dopo pandemia respingendo ogni forma di contrattazione – dichiara Diego Bernardini della Flai/Cgil di Vignola - Durante i mesi più duri del lockdown c’è stata la massima collaborazione per garantire la continuità lavorativa nonostante i molti casi di Covid. Ora l’atteggiamento aziendale appare come una beffa. Chiediamo all’azienda di riaprire le trattative con lo spirito di affrontare i problemi posti dai lavoratori e non di accantonarli”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Firmata l'ordinanza per la zona rossa, il testo e le nuove regole

Attualità

Zona rossa: a Modena asili, nidi e parrucchieri chiusi da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento