rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Attualità

Obbligo vaccinale, sciopera FISI. Ricorso per 92 operatori sanitari

Il 30 luglio saranno garantiti i servizi minimi essenziali, mentre le attività programmabili potranno subire riduzioni conseguenti all’adesione allo sciopero

La scrivente O.S. in merito allo sciopero nazionale indetto per il 30 giugno con manifestazione ore 15 a Bologna. L'associazione sindacale FISI (Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali) ha proclamato lo sciopero generale nazionale del personale del settore della sanità pubblica e privata per la giornata di venerdì 30 luglio 2021, con astensione dal lavoro di 24 ore dalle ore 8:00 del 30 luglio alle ore 08:00 del 31 luglio.

Come prevedono le norme vigenti saranno garantiti i servizi minimi essenziali e in particolare le urgenze, mentre le attività programmabili potranno subire riduzioni conseguenti all’adesione allo sciopero.

Lo sciopero, che vedrà anche una manifestazione in quel di Bologa, è indetto per protesta "contro il vaccino anticovid-19 obbligatorio per personale sanitario e farmacisti".

Il segretario regionale con incarico nazionale FISI, Dario Di Marcoberardino, spiega: "Ci risulta che tale obbligatorietà viola l’ art.32 della Costituzione, delle leggi europee e dei trattati di Norimberga e di Olvedo. Inoltre il personale sanitario che verrà sospeso , senza stipendio non è normato da nessuna legge. A riprova di ciò, un reo confesso che chiede patteggiamento e la pena viene trasformata in arresto domiciliare, il reo confesso ha diritto al 50% dello stipendio che percepiva".

In Emilia-Romagna 92 operatori sanitari, attraverso i legali del sindacato, hanno fatto ricorso al TAR per essere stati sospesi dal lavoro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Obbligo vaccinale, sciopera FISI. Ricorso per 92 operatori sanitari

ModenaToday è in caricamento