menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prevenzione e diagnosi precoce, il covid non ferma gli screening oncologici

La possibilità di partecipare agli screening è garantita anche in zona rossa: gli spostamenti per necessità sanitarie sono infatti sempre consentiti

L’emergenza Covid non ferma gli screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori del colon retto, del collo dell'utero e della mammella. Continuano infatti a svolgersi regolarmente le attività previste dai tre programmi di screening aziendali, nel pieno rispetto della normativa anti-Covid: sono  confermati gli appuntamenti  per lo svolgimento di tutti gli esami di primo e secondo livello, così come è  confermata la possibilità di accedere ai Punti di raccolta   per la consegna del campione di feci per la ricerca del sangue occulto , test previsto nello screening dei tumori del colon retto.  La possibilità di partecipare agli screening è garantita anche in zona rossa: gli spostamenti per necessità sanitarie sono infatti sempre consentiti.

Per agevolare l’accesso agli esami, al cittadino è richiesto di presentarsi puntuali, indossare la mascherina chirurgica, eseguire il triage presso la sede (rilevazione temperatura, igienizzazione delle mani).

Attenzione però: se si è in attesa di eseguire il tampone , o se ci si trova  in isolamento domiciliare  perché positivi al Covid o  in quarantena  perché contatto stretto di un caso positivo, o, ancora, qualora dovessero insorgere  sintomi influenzali  (febbre, tosse, raffreddore) o  intestinali  (come vomito o diarrea),  è necessario non recarsi presso la struttura sanitaria, contattando i numeri dedicati per riprogrammare l’appuntamento.

L’invito dell’Azienda USL è di partecipare, lo screening può salvare la vita. Molti tumori, infatti, se identificati precocemente hanno maggiori probabilità di guarigione. Per questo è importante aderire ai programmi offerti gratuitamente alle persone che rientrano nelle fasce di età in cui è più alto il rischio. L'obiettivo è prevenire o diagnosticare precocemente alcuni tumori in fase iniziale, cioè quando non danno nessun sintomo, garantendo un percorso completo di assistenza che accompagna la persona dall’effettuazione del test di screening fino agli eventuali approfondimenti e, se necessario, ai successivi trattamenti di cura e follow-up. Anticipare la diagnosi alle fasi iniziali consente di intervenire con le cure più appropriate in modo tempestivo, di garantire maggiori probabilità di guarigione e una migliore qualità della vita. I programmi di screening, quindi, consentono di ridurre la mortalità da tumore.

I programmi di screening

Sono tre i programmi di screening attivati dall’Azienda USL di Modena a favore di determinate fasce di popolazione.

Lo screening al collo dell'utero  prevede l'esecuzione del Pap test, ogni tre anni, per le donne di età compresa tra i 25 ed i 29 anni e del test HPV, ogni 5 anni, per le donne di età compresa tra 30 e i 64 anni.  Lo  screening mammografico  prevede l'esecuzione della mammografia annuale per le donne di età compresa tra i 45 ed i 49 anni e ogni due anni per le donne di età compresa tra i 50 e i 74 anni, con valutazione del rischio eredo-familiare dei tumori della mammella e dell’ovaio Lo  screening del colon retto è offerto a donne e uomini di età compresa tra i 50 e i 69 anni, e prevede l'esecuzione del test per la ricerca di sangue occulto nelle feci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Appartamento in fiamme a Finale Emilia, due persone in ospedale

  • Cronaca

    Violenza domestica, 26enne di Pavullo finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento