Presentata oggi MEKANÉ, la Scuola di Alta Formazione in High Performance Engineering

Al progetto lanciato dall'azienda modenese Hpe Coxa partecipano Unimore Unibo. Oggi la presentazione del percorso

È stata presentata oggi, durante una conferenza stampa organizzata presso la sede di Hpe Coxa, MEKANÉ, la Scuola di Alta Formazione in High Performance Engineering, che nasce dallacollaborazione tra Alma Mater Studiorum Università di Bologna, l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Hpe Coxa, azienda modenese che si occupa di sviluppo prodotto e opera nei settori automotive, motorsport, off highway, automation solution e difesa, fornendo servizi di ingegneria, progetti e prodotti.

L’obiettivo della Scuola di Alta Formazione MEKANÉ è garantire il processo di accrescimento di competenze degli ingegneri dell’azienda modenese attraverso l’organizzazione e l’erogazione di una formazione specialistica avanzata post-laurea. μηχανή (MEKANÉ) in greco antico significa “macchina”, “motore”. Questa parola è stata scelta perché unisce Hpe Coxa e la Scuola di Alta Formazione attraverso il suo duplice significato, letterale e figurato. L’azienda modenese progetta e costruisce motori, e la scuola vuole essere una macchina promotrice di conoscenze e competenze che trasmette al sistema produttivo attraverso figure professionali di altissimo livello.

La Scuola di Alta formazione è il secondo dei due tasselli fondanti del Progetto 100, ideato da Hpe Coxa, per sopperire alla carenza di profili tecnici in quantità, qualità e specializzazione, che è una delle maggiori criticità cui le imprese si trovano di fronte nell’affrontare le nuove sfide tecniche e tecnologiche.

Con Progetto 100, Hpe Coxa ha trovato un sistema per rispondere in modo veloce, professionale ed efficace a questa necessità. Il primo passo del progetto è stato quello di identificare in modo dettagliato i 28 profili necessari di cui l’azienda ha e avrà bisogno, definendo per ogni profilo le relative competenze e per ogni competenza il livello di conoscenza necessaria. Lo step successivo è quello della selezione di un centinaio di neolaureati in ingegneria all’anno per tre anni che, una volta assuntiattraverso un percorso accelerato di due anni, verranno portati a un livello di seniority normalmente conseguibile in un periodo decisamente più esteso.

Piero Ferrari, presidente di Hpe Coxa: “Come presidente di Hpe Coxa, sono molto soddisfatto che l’Università di Bologna, coadiuvata dall’Università di Modena e Reggio, abbia realizzato questo esempio di formazione corporate per la nostra società. Si tratta di una collaborazione realmente innovativa, che dimostra come il mondo universitario, sempre di più sia in grado, attraverso partnership mirate con il sistema industriale, di contribuire attivamente allo sviluppo del nostro territorio”.

La sede di MEKANÉ sarà presso Hpe Coxa, nelle sale tecnologicamente avanzate dei BOX LAB, due edifici inaugurati nell’autunno del 2018 e realizzati secondo i principi di economia circolare, costruiti con il 70% di materiale riciclato e autosufficienti per quanto riguarda l’energia e il fabbisogno idrico.

docenti provengono dai due Atenei partner e da altre università italiane ed estere coinvolte, supportati da dipendenti e partner di Hpe Coxa. La partecipazione all’intero ciclo di formazione prevede l’assegnazione di crediti formativi universitari riconosciuti. Infatti, il processo formativo post-laurea prevede una contemporaneità delle fasi lavoro/scuola attraverso, da una parte una tutorship on the job assicurata da colleghi più esperti all’interno dell’azienda e, dall’altra, una formazione frontale post-universitaria.

primi corsi saranno focalizzati su motopropulsori ibridi elettrici ad elevate prestazioni, e coinvolgeranno principalmente docenti dell’Università di Bologna, con supporto di docenti dell’Università di Modena e Reggio Emilia e delle università di Perugia e di Firenze. Le lezioni si svolgeranno presso Hpe Coxa, con la possibilità di ospitare gli studenti anche presso i laboratori degli atenei coinvolti.

La modalità di formazione frontale, che integra quella sviluppata “on the job”, sarà in aula, con moduli di 100 ore. Ogni modulo è sviluppato su temi specifici ed estremamente qualificanti, rispondendo alle esigenze dell’azienda sulle tematiche di sviluppo di prodotto e innovazione tecnologica applicata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Scontro sulla Nazionale per Carpi, morto un automobilista

  • Persona muore bruciata all'interno di un'auto, giallo alla periferia di Modena

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

  • Da Milano a Modena per salvare una vita, un organo scortato dalla Municipale

Torna su
ModenaToday è in caricamento