Attualità

Mascherine, gel igienizzante e opuscolo multilingue: la prevenzione scende in strada con il kit anti-Covid

Azienda Usl e Cooperativa Caleidos insieme ai volontari dell’Unità di strada impegnati nella distribuzione degli oltre 300 kit disponibili: un servizio di prossimità a tutela della salute pubblica, abbattendo le barriere della lingua e del pregiudizio

Prevenzione e lotta al contagio da coronavirus scendono in strada, nei contesti di marginalità sociale, precarietà ed emergenza abitativa.

Da diversi anni a Modena è attivo il progetto Start-ER 2, che vede l’Azienda USL e la Cooperativa Caleidos impegnati a coordinare le azioni di tutela della salute a favore di richiedenti asilo con problematiche psico-patologiche.

Il kit anti-covid

In queste settimane Caleidos ha coordinato la distribuzione delle Unità di strada di kit anti-Covid, composti ciascuno da 7 mascherine chirurgiche, flacone di gel igienizzante e opuscolo multilingue con le misure per la prevenzione del contagio.

Destinatari degli oltre 300 kit disponibili sono in particolar modo gli stranieri richiedenti o titolari di protezione internazionale senza rete di accoglienza, ai quali ogni giorno i volontari offrono una preziosa opera di ascolto e di supporto concreto contro il disagio sociale.

L’azione specifica di prevenzione e informazione – spiega Cinzia Zanoli, Referente del Progetto per l'Azienda USL di Modena – si è affiancata in maniera sinergica al servizio di prossimità a tutela della salute pubblica svolto dalle Unità di strada: oltre alla distribuzione dei kit è infatti presente una costante attività di sensibilizzazione e informazione sul corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, sulle misure di igiene personale e sulla rete dei servizi socio-sanitari, oltre a una valutazione generale sulle condizioni psico-fisiche e misurazione della temperatura”.

Le Unità di Strada rappresentano un presidio fondamentale sul territorio, che mira all’abbattimento delle barriere linguistiche e del pregiudizio nei confronti di un’utenza fragile, con storie di vita complicate. Come quella di Alì (nome di fantasia), 28 anni, originario del Pakistan: da qualche anno è una delle presenze fisse all’Unità di strada gestita dalla Cooperativa Caleidos per conto dell’Azienda USL di Modena, dove trova generi di conforto e ora anche un validissimo aiuto contro il Covid. Ad accoglierlo, all’esterno del camper, i volontari Stefano e Chiara insieme all’utente esperto Donato.

“Le attività di domiciliarità e di prossimità – sottolinea Chiara Gabrielli, responsabile del Servizio Dipendenze patologiche di Modena – sono strategiche per raggiungere fasce di popolazione che altrimenti non sarebbero raggiungibili da interventi informativi e di prevenzione. In questa era di pandemia è necessario ridurre i rischi di contagio con una corretta informazione sulle misure di prevenzione, parlando la lingua delle persone che entrano in contatto con i Servizi di prossimità: nelle Unità di Strada, infatti, sono presenti mediatori linguistici che rendono le informazioni comprensibili”.

Covid a Modena: scendono rispetto a ieri i nuovi casi. Ancora 11 i decessi

Coronavirus. In Regione aumentano i guariti. Modena maglia nera con 59 ricoveri

Nasce l’Unità Operativa di Sorveglianza Covid-19 per i sanitari di Policlinico e Baggiovara

Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine, gel igienizzante e opuscolo multilingue: la prevenzione scende in strada con il kit anti-Covid

ModenaToday è in caricamento