Azienda Ospedaliero-Univeristaria di Modena, oltre 130 dipendenti in smart working

Limitare gli spostamenti e ridurre le presenze in ospedale dove è possibile è doveroso, anche nella sanità

Sono oltre 130 i dipendenti dell'Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, tra amministrativi e tecnici, per i quali è stato attivato lo smart working e che quindi svolgono le attività lavorative dal proprio domicilio, tramite la connessione internet grazie all’attivazione di un software che consente di utilizzare da remoto il proprio PC aziendale. 

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena ha attivato in maniera massiva questa modalità in tempi brevissimi, grazie all’impegno dell’ICT aziendale che ha consentito ai dipendenti che ne hanno fatto richiesta la possibilità di essere operativi da casa. Limitare gli spostamenti e le presenze in ospedale è un dovere in questo momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La scelta di incentivare lo smart working – ha commentato il dottor Lorenzo Broccoli, Direttore amministrativo dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena – è doverosa in questo periodo, caldeggiata anche dalla normativa emanata per contrastare la diffusione del COVID19, perché consente di ridurre, quando possibile, la presenza in ospedale. Per questo motivo desidero ringraziare l’ICT per aver attivato questa modalità in poco tempo su un grande numero di dipendenti, oltre che i colleghi che stanno lavorando da casa con impegno e dedizione, utilizzando anche risorse informatiche proprie. Il mio ringraziamento va anche al personale che, in una realtà ospedaliera come la nostra non può lavorare da casa e quindi in questo periodo opera in condizioni ancora più difficili del solito. Non mi riferisco solo al personale sanitario, ma anche a personale tecnico e amministrativo che per la sua specifica funzione non può operare in smart working”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento