Sopralluogo nel cantiere della Casa della Salute di Modena, fine lavori a giugno

Visita del Sindaco con la Direzione dell’Azienda USL per verificare l’avanzamento dei lavori del'edificio di via Fanti. Un investimento di 7milioni e 400mila euro per uno dei principali punti di riferimento per la salute dei cittadini modenesi

Cinque piani più un’area a parcheggio a quota stradale e un parcheggio interrato, a disposizione di dipendenti e cittadini, vicinissimi alla stazione ferroviaria, per un complesso di oltre 3000mq di superficie utile. La Casa della Salute di Modena Nord è stata oggetto di un sopralluogo da parte del Sindaco Gian Carlo Muzzarelli e dell’Assessora a welfare e sanità Giuliana Urbelli che, insieme ai giornalisti, hanno potuto verificare l’avanzamento del cantiere e visitare le parti già ultimate. Presenti alla visita anche il Direttore Generale dell’Azienda USL Massimo Annicchiarico accompagnato dal Direttore del Servizio tecnico Ausl Gerardo Bellettato e dai suoi tecnici, il Direttore lavori Elena Cazzaniga e il progettista Michele Zini dello studio ZPZ Partners, che hanno illustrato i dettagli del progetto e le fasi di realizzazione. Insieme a loro è stato possibile osservare l’esterno e il piano terra dell’edificio, già ultimato, oltre al piano interrato con i garage. Il termine dei lavori è previsto per giugno 2019; seguiranno i collaudi e le autorizzazioni necessarie all’avvio dell’attività.

 Per la Casa della Salute Modena Nord l’investimento complessivo è di 7milioni e 400mila euro. Si realizzerà così uno dei principali punti di riferimento per la salute dei cittadini, che troveranno in un unico luogo, ben riconoscibile, risposte qualificate ai principali e più frequenti bisogni sanitari, grazie alla presenza all’interno della Casa della Salute di una pluralità di servizi e di professionisti.

La struttura e l’organizzazione interna saranno orientate prevalentemente alla salute del bambino, dell'adolescente e della famiglia (ma saranno presenti anche servizi per adulti e le cronicità) e qualificheranno ulteriormente il sistema di cure territoriali già attivo a Modena, rendendo la Casa della Salute un polo nevralgico per l’accoglienza e l’erogazione dei servizi sanitari, sociosanitari e socioassistenziali per quasi 50mila abitanti dell’area nord della città.

“Il sopralluogo di oggi ha consentito di verificare che il termine dei lavori alla Casa della Salute, la prima in città, è ormai prossimo - ha osservato Gian Carlo Muzzarelli - e si tratta di un doppio passo in avanti per la città. Innanzitutto, sarà un importante presidio territoriale a tutela della salute, ed è una parte importante del processo di continua qualificazione delle strutture e dei professionisti e volontari, indispensabile per dare servizi sempre moderni e all'altezza. Inoltre, e non secondariamente, è una delle chiavi della qualificazione dell'area a nord della stazione, che progressivamente vedrà completamente cambiare il volto di questa parte di città. Sarà dedicata al professor Gian Paolo Vecchi, che ha lasciato un'impronta indelebile in città, per la sua dedizione, competenza e straordinaria umanità”. 

"Ringraziamo il Sindaco e l'Amministrazione comunale per l'attenzione dedicata - in tutto il suo percorso di realizzazione - a questa struttura che rappresenta per l'Ausl un fondamentale impegno per lo sviluppo dei servizi sanitari di prossimità nell'Area Nord della città - ha dichiarato Massimo Annicchiarico -. Quella che si svolgerà in questo luogo sarà la sanità più vicina ai cittadini, un luogo pensato per la loro salute".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla realizzazione della Casa della Salute Modena Nord seguiranno altre due strutture, la Casa della Salute in via Panni (all'istituto Charitas) con il progetto in corso, per un investimento di quasi cinque milioni di euro a servizio dell’area sud-ovest della città, e nel complesso dell’ex ospedale Estense (Casa della Salute Modena Estense) dove il Comune sta effettuando il consolidamento antisismico cui seguiranno, nel 2020, le finiture edilizie e impiantistiche, finanziate dall’Azienda sanitaria per un milione 700 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • Produzione ferma per troppe malattie, l'azienda prepara la denuncia poi ritratta

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le chiusure

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

  • Record di nuovi casi positivi a Modena. Le vittime salgono di altre 11

Torna su
ModenaToday è in caricamento