Nodo idraulico, sopralluogo dell'assessore Regionale: a Modena 11 cantieri in atto

L'assessore Priolo: "Avanti tutta per la sicurezza di uno dei nodi idraulici più importanti della regione: impegno deciso per l'attuazione di scelte condivise con i territori, nel rispetto dei tempi"

Sei anni dopo l’alluvione del 18 e 19 gennaio 2014, continua l’impegno per il nodo idraulico modenese e sale a circa 128 milioni di euro il totale degli investimenti realizzati o programmati dal 2014 tra Secchia, Panaro e Naviglio. In questi anni sono stati avviati diversi cantieri, ma tantissimo resta ancora da fare, tra interventi lungo gli argini e alle casse di espansione non ancora conclusi o mai avviati nonostante lo stanziamento dei fondi sia sul piatto già da diverso tempo.

Al centro dell’attenzione resta innanzitutto il sistema delle arginature: entro l’anno verrà appaltato il cantiere da 3 milioni 300 mila euro a Fossalta di Modena. Nuove difese sorgeranno sul Panaro a valle del Ponte di S. Ambrogio e fino al Tiepido, a nord della via Emilia; adeguamento degli argini previsto anche a sud, lungo i torrenti Tiepido e Grizzaga.

L’annuncio arriva da Irene Priolo, assessora regionale alla Protezione civile e difesa del suolo, che stamattina, dal Centro unificato di Protezione civile di Marzaglia, ha fatto il punto dei progetti avviati durante un incontro in videoconferenza con la Provincia e i sindaci dei comuni interessati.

“Avanti tutta per la sicurezza di un nodo idraulico fondamentale nell’ambito della strategia regionale- afferma Priolo- L’appalto dei nuovi lavori a Fossalta si unirà agli 11 cantieri già in corso nel 2020 per oltre 57 milioni di euro e ai 9 interventi programmati per 25 milioni e mezzo. Numeri che testimoniano un impegno concreto e deciso per l’attuazione delle scelte, nel rispetto dei tempi fissati. Arginature, sistema delle casse di espansione e sicurezza dell'intera dell’asta fluviale di Secchia, Panaro, Naviglio e dei loro affluenti: sono i tre pilastri su cui si fonda l’azione della regione, condivisa con le realtà locali- conclude Priolo-. Oggi abbiamo fatto il punto della situazione e fissato le prossime tappe di un percorso che ha la sua stella polare nella sicurezza del territorio e di chi lo vive”.

“La visita ai cantieri dimostra che opere importanti si stanno realizzando- aggiunge il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli nel pomeriggio insieme a Priolo per un sopralluogo a Fossalta, sui luoghi del cantiere in appalto entro l'anno e in via Gherbella, sempre a Modena, dove sono in corso interventi di sistemazione di erosioni delle sponde del torrente Tiepido-. Il cambiamento climatico richiede sempre più attenzione alla rete idraulica nodo modenese: fare squadra con la Regione e le strutture tecniche che garantiscono costanti risorse è fondamentale per migliorare la sicurezza, obiettivo primario del nostro territorio”.

I lavori in programma 

Per le arginature del Secchia, si stanno realizzando opere per un importo pari a 18 milioni di euro. Un primo cantiere da 6 milioni 700 mila euro sarà completato entro ottobre: interessa Campogalliano e Modena, fino all'attraversamento della linea dell'alta velocità ferroviaria.
In primavera si concluderanno anche i lavori nel tratto di valle del fiume fino a Concordia sulla Secchia, al confine con la provincia di Mantova, dal valore di 12 milioni di euro.

Altri 8 milioni 800 mila euro sono destinati a proseguire il rialzo e il rinforzo delle arginature del Panaro: i lavori termineranno nella primavera del 2021.

Fanno parte di un progetto complessivo da 12 milioni che interessa i territori di Modena, Bomporto, Nonantola, Ravarino e Crevalcore. La prossima tappa sarà appunto la realizzazione di nuovi argini a Fossalta di Modena.

Significativo anche l’investimento di quasi 11 milioni e mezzo di euro sui principali affluenti pedecollinari di Secchia e Panaro: ben 4 milioni e mezzo sono riservati alla sistemazione di alcune briglie danneggiate dall’alluvione. Tre sono sul Panaro: la briglia selettiva di Zenzano, tra i comuni di Marano e Savignano, dove i lavori da 900 mila euro sono già ultimati, e le briglie Caselle e Muratori nei comuni di Savignano e Vignola. Sul Secchia, invece, si conta quella di San Michele dei Mucchietti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La speranza è che tutti questi annunci e stanziamenti si concretizzino in lavori finiti in tempi più rapidi rispetto a quelli che il territorio ha conosciuto finora. Dal momento che le piene non aspettano certo la burocrazia e negli ultimi anni i disastri si sono susseguiti con preoccuoante costanza a seguito del maltempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Pullman nel fosso dopo uno scontro con un furgone, grave incidente a Campogalliano

  • Covid, 15 casi a Modena. Oltre la metà da contagio famigliare

  • Addio a Maria Lucia Matteo, stimata ginecologa di Carpi

  • Covid. La Regione lancia il test gratuito in farmacia per i genitori degli studenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento