Attualità Carpi

Ospedale di Carpi, Speranza firma l'accordo territoriale per la nuova struttura

Sul fronte delle future infrastrutture, siglato anche l'Accordo di Programma che destina alla regione oltre 145 milioni di euro

Dopo la visita all'hub vaccinale di Modena, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha fatto tappa a Carpi, dove, al Palazzo dei Pio, ha sottoscritto con l’assessore l’Accordo di Programma V Fase I Stralcio tra Governo e Regione: l’atto prevede la realizzazione, in Emilia-Romagna, di 38 interventi, per un totale complessivo di 145,4 milioni di euro, di cui 138,1 statali e 7,3 regionali. In programma, Case della salute (nuove o ristrutturate), nuovi Hospice, interventi su strutture ospedaliere, acquisto e ammodernamento di tecnologie biomediche e informatiche. Interventi previsti nei territori di tutte le aziende sanitarie.

Sempre a Carpi, Speranza ha presenziato alla firma dell’Accordo territoriale per il nuovo ospedale tra Regione Emilia-Romagna, Comune, Provincia e Azienda Usl di Modena. Tra gli obiettivi prioritari dell’Azienda, il nuovo ospedale di Carpi – che ha già visto assegnati con delibera Cipe (del luglio 2019) 60 milioni di euro – è il più importante intervento di edilizia sanitaria dei prossimi anni nell’ambito della provincia e tra i maggiori a livello regionale, insieme agli altri due nuovi nosocomi previsti nella programmazione regionale, quello di Piacenza e quello di Cesena.

Speranza visita l'Hub vaccinale di Modena: "Per nuove misure attendiamo il Cts"

L’ospedale di Carpi, obiettivi e finalità dell’Accordo territoriale

Un percorso, quello per il nuovo ospedale di Carpi, all’insegna della collaborazione tra tutti gli attori coinvolti, e che oggi approda alla sigla dell’Accordo territoriale. Con quest’atto i firmatari si impegnano a raggiungere una serie di obiettivi: instaurare, nella scelta del luogo dove sorgerà l’ospedale, una corretta integrazione tra territorio e città; migliorare il livello di efficienza e sicurezza complessiva delle attività ospedaliere sul territorio e incrementare il benessere percepito; creare continuità assistenziale con le strutture dell’assistenza primaria; promuovere e incrementare la qualità delle cure nel rispetto del corretto uso delle risorse; rafforzare l’introduzione di modelli innovativi, flessibili e futuribili per gli aspetti diagnostici, terapeutici, tecnologici e informatici.

Per quanto riguarda la localizzazione (nel quadrante a Nord-Ovest del territorio comunale, come definito in sede di Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria), il nuovo polo ospedaliero sorgerà fra le due più importanti arterie stradali di Carpi, la tangenziale Losi e quello che sarà il prolungamento di via dell’Industria attraverso il completamento della Bretella comunale. 

Visto l’obiettivo generale di sostenibilità dell’intervento, ci sarà particolare attenzione a un adeguato rapporto tra la nuova struttura sanitaria e il contesto urbano e territoriale circostante, a una buona ambientazione e all’inserimento paesaggistico, e alla realizzazione delle reti ecosistemiche ed ecologiche, di gestione delle emissioni e della qualità dell’aria, delle acque, dei rifiuti.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Carpi, Speranza firma l'accordo territoriale per la nuova struttura

ModenaToday è in caricamento