Caccia, si apre la stagione per le 3mila doppiette modenesi

Al contempo si attivano i controlli della Polizia Provinciale: "Rispettare le distanze di sicurezza". Età media dei cacciatori 60 anni, lento il ricambio generazionale 

Parte domenica 15 settembre la caccia alla selvaggina stanziale, come lepri e fagiani, che coinvolge quasi tre mila cacciatori modenesi più un migliaio da altre province.  Nel calendario venatorio, disponibile nel sito della Regione, sono elencati tutte le limitazioni ai carnieri, le specie cacciabili e le modalità di caccia, tra le quali spiccano i due giorni di silenzio venatorio previsti al martedì e venerdì.

Sul controllo del regolare svolgimento dell'attività venatoria sono impegnati 15 agenti della Polizia provinciale e 70 guardie volontarie che garantiscono, con il coordinamento degli agenti, la vigilanza sul territorio.  Il comandate della Polizia provinciale Fabio Leonelli richiama i cacciatori al rigoroso rispetto delle distanze di sicurezza da abitazioni e strade, «uno dei problemi sul quale ancora registriamo la maggior parte delle segnalazioni da parte dei cittadini, preoccupati dalla presenza di cacciatori vicino alle case» e ricorda che le distanze di sicurezza sono di 50 metri dalle strade e 100 dalle case mentre la sanzione prevista è di 206 euro.

Oltre al rispetto delle distanze, un'attenzione particolare da parte della Polizia provinciale riguarda il rispetto del calendario venatorio, l'utilizzo dell'indumento ad alta visibilità, delle norme sul tesserino regionale, fino all'osservanza delle regole sull'anagrafe canina, la tutela del benessere animale e la caccia in aree vietate.  Anche quest'anno, tramite la consultazione on line della banca dati del programma informatico gestito dalla Regione,  sarà controllata la riconsegna del tesserino venatorio nei tempi di legge. 

Saranno meno di tre mila le doppiette modenesi impegnate nella stagione venatoria. Dai dati raccolti dalla Provincia di Modena emerge che il numero dei cacciatori è costante in calo negli anni: nel 2000 i cacciatori erano oltre  diecimila. Aumenta invece l’età media: ora è di oltre 60 anni, mentre solo una minima parte degli appassionati ha meno di 30 anni.  

In questi ultimi anni, inoltre, si è consolidata la tendenza del cacciatore modenese a privilegiare sempre di più la caccia agli ungulati (sono quasi la metà i cacciatori modenesi che si dedicano a questo tipo di caccia) rispetto alla tradizionale caccia a lepri e fagiani con il cane da ferma. Il ricambio generazionale è ancora lento: la maggior parte dei cacciatori che si abilitano ogni anno, una cinquantina in media, è di età compresa tra i 18 e i 30 anni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

  • Cadavere accanto all'auto ribaltata nel bosco, sarebbe la barista scomparsa

Torna su
ModenaToday è in caricamento