“Strade sicure”, il ringraziamento del Sindaco per un servizio importante sul territorio

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha salutato a Palazzo comunale il colonnello dell’Esercito Vincenzo Tucci ringraziando l’Esercito per il loro impegno nell’operazione che vigila sul territorio

“Dall’Esercito un contributo importante per il controllo del territorio, anche in collaborazione con la Polizia locale”. È quanto ha affermato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli nella mattinata di oggi, incontrando in Municipio il colonnello Vincenzo Tucci, in procinto di lasciare il comando del raggruppamento “Emilia Romagna” dell’operazione “Strade sicure” che reggeva dal 12 dicembre dell’anno scorso.

“I militari impegnati a Modena nell’operazione ‘Strade sicure’ – ha dichiarato il sindaco, accompagnato dalla comandante della Polizia locale Valeria Meloncelli – hanno partecipato in maniera fondamentale al presidio della città da parte delle forze dell’ordine, attive in maniera integrata e coordinata. Modena ha un legame molto stretto con l’Esercito italiano, testimoniato anche dalla presenza dell’Accademia militare. Tra la città e i cadetti esiste un rapporto straordinario”.

Il colonnello Tucci, affiancato dal capitano Stefano Kudlicka e dal primo luogotenente Franco Montrone, ha ringraziato il sindaco per l’accoglienza e ha sottolineato l’azione dei militari impegnati nell’operazione “Strade sicure” durante la fase dell’emergenza sanitaria, anche a supporto della Protezione civile.

Il raggruppamento conta 200 militari, provenienti principalmente dal 6° Reggimento logistico di supporto generale di stanza a Budrio e da altri reparti, schierati a Modena, Bologna, Parma, Ferrara e Rimini; in città il presidio è attivo nei luoghi sensibili, a partire da piazza Grande. Da venerdì 12 giugno il comando passerà al 121° Reggimento artiglieria controaerei “Ravenna”, di stanza a Bologna, diretto dal colonnello Roberto Gabrielli.

Al termine dell’incontro, il sindaco ha consegnato a Tucci una bottiglietta dell’Aceto balsamico tradizionale dell’Acetaia comunale e una copia del libro “Modena attimi di Quiete” di Sauro Perticarini e del volume sui 150 anni di storia della Polizia locale di Modena. Il colonnello, invece, ha donato a Muzzarelli il crest del 6° Reggimento logistico di supporto generale e un’ocarina, simbolo musicale della città di Budrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

Torna su
ModenaToday è in caricamento