menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli studenti carpigiani a Londra con il prototipo in gara alla Shell Ecomarathon

L’ITIS Leonardo da Vinci di Carpi protagonista della competizione europea che mette in gara veicoli ecosostenibili e ad alta efficienza energetica

I team FAENZAitiRACING e FAENZAnaftaRACING, composti dagli studenti dell’Istituto tecnico industriale e professionale Luigi Bucci di Faenza(RA) e il team ZeroC di cui fanno parte gli studenti dell’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carpi sono pronti a scendere in pista per la 34° edizione della Shell Eco-marathon Europe. La competizione, nell’ambito del festival “Make the Future Live”, si terrà al Queen Elizabeth Olympic Park di Londra dal 05 all’08 luglio.

Da ben 33 anni, la Shell Eco-marathon incoraggia i giovani delle scuole superiori e delle università di tutto il mondo ad ideare e costruire veicoli ad alta efficienza energetica. Quest’anno, 150 team provenienti da 24 Paesi europei si sono dedicati con passione alla progettazione e alla costruzione di veicoli futuristici che si sfideranno sul circuito urbano londinese per decretare chi riuscirà a percorrere la maggior distanza possibile con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia. 

Nell’edizione 2017 gli studenti dell’Emilia Romagna hanno registrato risultati di grande successo: Il team Zero C dell’Istituto tecnico industriale Leonardo da Vinci di Carpi (MO), ha ottenuto il 1° posto della categoria PROTOTIPI alimentati a batteria elettrica con il veicolo “Escorpio Evo 2”. I giovani emiliani sono riusciti a imporsi su quasi 30 team concorrenti, percorrendo un tragitto di ben 753.2 km / kWh, ovvero quasi la distanza che separa Napoli e Milano.

Per l’Italia parteciperanno quest’anno 6 team composti da studenti provenienti da 3 Regioni: Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte con 3 veicoli nella prima categoria e 3 nella seconda. “Da diversi anni il nostro Istituto partecipa alla Shell Eco-marathon, inizialmente come unica realtà italiana”, afferma Riccardo Silimbani, team leader delle squadre di Faenza. “Questo progetto ci consente di acquisire competenze spendibili nel mondo del lavoro, come dimostra il fatto che numerosi ex studenti che hanno partecipato e si sono distinti nella competizione, hanno trovato opportunità di lavoro presso prestigiose scuderie italiane”. 

“Dal 2007 il nostro Istituto partecipa alla Shell Eco-marathon con l’obiettivo di testare sul campo il bagaglio di conoscenze acquisite durante il nostro percorso di studi” aggiunge Gianmarco Scalabrini responsabile del team di Carpi. “Questo progetto ci consente di acquisire competenze spendibili nel mondo del lavoro e di metterci in gioco sfidando altri Istituti europei”.  Il team ZeroC, formato da 25 studenti dei corsi di meccanica, elettronica e informatica, concorrerà nella categoria Prototipi con il veicolo a batteria elettrica “Escorpio Evo 2”, nome che deriva da una delle numerose invenzioni di Leonardo da Vinci: un battello per uso bellico caratterizzato da un rostro metallico con il quale speronare le navi nemiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento