Gli studenti del Guarini propongono piano per eliminare barriere architettoniche a Spilamberto

Al fine di eliminare le barriere architettoniche a Spilamberto per favorire l'utilizzo degli spazi pubblici e dei servizi da parte delle persone disabilità è stato presentato un piano dagli studenti del Guarini

Eliminare le barriere architettoniche nel centro storico di Spilamberto per favorire una piena fruizione di spazi pubblici e servizi da parte delle persone con disabilità. Con questo obiettivo gli studenti della quinta A dell'istituto "Guarini" di Modena, nell'ambito delle attività di alternanza scuola-lavoro,  hanno elaborato un progetto che è stato presentato nei giorni scorsi, durante un incontro nell’aula magna della scuola al quale hanno partecipato il sindaco di Spilamberto Umberto Costantini, l’assessore ai Lavori pubblici Daniele Mandrioli e tecnici comunali, la dirigente dell'istituto Margherita Zanasi, Tiziana Zanni dell'ufficio Istruzione della Provincia, le docenti Vallì Baraldi e Giovanna Bonparola.

Come ha spiegato lo studente Pietro Tosatti, in rappresentanza della classe, partendo da una mappatura delle barriere architettoniche esistenti e delle criticità, il piano propone al Comune le soluzioni per la loro eliminazione, garantendo l'accesso a spazi pubblici ed edifici commerciali; prevista anche una apposita pagina web sul tema.

Nel corso dell'incontro è emerso che il progetto, oltre a contribuire allo sviluppo delle competenze tecniche degli studenti, diventerà un punto di riferimento per le attività del Comune sul tema delle barriere architettoniche a conferma della sempre più efficace collaborazione fra scuola e territorio. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento