rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Climate change, fra 30 anni notti tropicali anche sull'Appennino modenese

Uno studio dell'Osservatorio clima di Arpae Emilia-Romagna prevede un aumento di temperatura di 1,5 °C da qui al 2050, con un raddoppio delle nottate di clado

Città più calde e notti "tropicali" anche in Appennino. E' questa la previsione del cambiamento climatico per le province emiliane nei prossimi 30 anni, secondo uno studio statistico realizzato dall'Osservatorio clima di Arpae Emilia-Romagna, nell'ambito del piano regionale per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici portato avanti insieme a Regione e Arter.

Partiamo dall'area urbana di Modena. Rispetto ai valori del periodo 1961-1990, preso come riferimento, dal 2021 al 2050 ci si attende che la temperatura media annua si innalzi di circa un grado e mezzo (da 13,3 a 14,9 gradi), con un aumento piu' spiccato per la massima estiva (da 27,8 a 30,6 gradi). In crescita anche la media della temperatura minima invernale: da 0,8 a 2,6 gradi. Di conseguenza, il numero di notti estive 'tropicali', ovvero con una temperatura superiore ai 20 gradi, dovrebbe salire da 25 a 46.

Più alto anche il rischio di ondate di calore: attesi otto episodi, contro i due del trentennio precedente. In calo la quantità di precipitazioni annuali (da 630 a 590 millimetri) e in aumento il numero di giorni senza pioggia (da 22 a 30).

Lo stesso trend previsto per le aree urbane emiliane da qui al 2050, si legge ancora nello studio di Arpae, è atteso anche per le zone di pianura, la collina e il crinale appenninico, dove addirittura per la prima volta si rischierebbe di avere anche qualche notte 'tropicalè con temperature superiori ai 20 gradi.

(DIRE)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Climate change, fra 30 anni notti tropicali anche sull'Appennino modenese

ModenaToday è in caricamento